Sprint test

Citroen C5 Aircross, Motori: con EAT8 e nuovo 1.6 benzina 180 CV si è top, attendendo il Plug-in [video]

-

Arriva con l’estate la motorizzazione benzina più prestante dell’ammiraglia SUV Citroen. Entro inizio 2020 diventerà anche ibrido Plug-in

Lo abbiamo visto in anteprima, poi scoperto e anche provato, il nuovo modello, SUV, di punta Citroen. Si tratta del C5 Aircross. Se il suo pregio maggiore è nel design, o forse ancor più nel comfort, dipende dai gusti, quello che gli mancava era una motorizzazione a benzina (Euro 6.2) moderna e prestazionale. Oggi arriva, si tratta del motore PureTech 180 S&S che abbiamo provato abbinato al cambio automatico EAT8. La prima obiezione è quella che un simile SUV, da 4,5 metri, soprattutto comodo, dovrebbe viaggiare e quindi usare forse motori diesel. Vero, come è però vero che negli ultimi mesi il mercato dell’auto in Italia premia i motori benzina: +24% nel Q1 2019. Discorsi di pura tecnica o politica a parte, se voi foste dei colossi dell’auto con in cantiere un motore di questo tipo: non lo mettereste in gamma al vostro SUV? Ecco allora la “risposta alla tendenza” del mercato, questo PureTech 180 S&S EAT8. Un termico che presto diventerà anche ibrido, ricaricabile. Già perché C5 Aircross sarà primo modello Citroen con tecnologia Plug-in Hybrid, un cosiddetto PHEV dato per range in EV di 50 Km e 225CV di potenza combinata. Occorre però attendere inizio 2020.

Il 1.6 180CV benzina PSA
Il 1.6 180CV benzina PSA

Tecnica centrata

Questo quattro cilindri a benzina da 180CV è la versione di punta della serie PureTech, un motore da 1.598 cc perfettamente abbinato al cambio automatico EAT8, con otto rapporti. Sotto il cofano di C5 Aircross ora si trova un motore “giusto” se si pensa alla tradizione e al “volume” del SUV. A quei molti predecessori di simile cubatura, 1.6 o superiore (su Xsara Picasso prima e poi le altre serie Picasso, monovolume). Se benzina deve essere, per “camminare” di questa cubatura e prestazione si deve parlare, non mini-motori da soffocare a piede premuto. Altro discorso sono poi le condizioni normative e di oneri tricolori (costo benzina, bollo eccetera) attuali.

Sovralimentato, con distribuzione 16 valvole ad alzata variabile (VVL) per l’aspirazione, usa un doppio variatore di fase (VVT). È un motore abbastanza compatto: lunghezza 70 cm, larghezza 61 e altezza 70. Non pesa nemmeno troppo: 110 Kg comprensivo di olio e frizione. La gestione motore è Bosch con pressione iniezione fino a 265 bar e trappola particolato (senza additivazione). Ma come va esattamente e come si deve mantenere? Ve lo scriviamo qui di seguito.

La potenza massima è di 181 CV a 5500 giri/min, per una coppia di 250 Nm a 1750 giri/min. Quello che fanno notare dalla Casa, prima che noi lo possiamo commentare, è che le emissioni sono state “combattute” fino a un tenore di CO2 compreso tra 129 e 132 g/km (varia in base agli pneumatici). I consumi su misto, con gommatura 19’’, sono dichiarati pari a 5,7 l/100 km.

EAT8. Il cambio automatico EAT8 è stato sviluppato da Aisin in combinata, con queste motorizzazioni PSA Euro 6.2. Un automatico di nuova generazione che permette di limare i consumi fino al 7% rispetto al vecchio EAT6, oltre che essere dotato di convertitore coppia più fluido. Con le due marcie in più, ma pesando meno di 2 kg. Tra le sue doti il “freewheeling” quando l’auto è in rilascio, ovvero stacca da solo se non si toccano acceleratore e freno, a certe condizioni (25-130 Km/h). Sul fronte manutenzione su parla di “assenza” interventi o cambio liquidi nel programma della Casa. Suona strano ai meno giovani che temevano i cambi automatici per il costo (non a torto) ma PSA dice che anche l’olio a bassa viscosità è garantito, per la durata di vita veicolo.

Al volante

Posizione certo comoda, per tutti quelli a bordo, con morbida selleria alla Citroen: non troppo morbida, semmai calda, per certi gusti durante l’estate. I pregi di comfort decantati da molti SUV rivali, C5 Aircross li ha davvero, nulla da dire. Un ambiente che lascia sereni i passeggeri e libero da tensioni il conducente, per insonorizzazione e ammortamento del fondo stradale. Unico peccato, quella gestione clima tutta da Touchscreen 8’’, o quasi, se si è soli in auto. Venendo al sodo, visto che si tratta di un modello di cui leggete tutto nei nostri precedenti articoli (a questo link su Automoto.it) quello che è nuovo per l’estate 2019 è sotto il cofano. Si sente però anche sotto il piede e all’orecchio. Il buon quattro cilindri Turbo 1.6 è di quelli lineari, già sotto i duemila, capace di allungare bene. Taglia  vicino ai seimila, ma andrebbe anche oltre, di poco, rendendo ancora. La guidabilità è tutta coordinata dall’elettronica e dal cambio. Otto marce non sono poche, ma nemmeno tante per come le usa C5 Aircross. Scatto da 0 a 100 Km/h in 9 secondi e velocità massima di poco inferiore ai 220 Km/h sono numeri più che coerenti al target di questo C-SUV moderno.

Il bello del benzina è l’eliminazione di quanto genera in abitacolo il diesel, anche se premendo a fondo in modalità sport le cambiate portano a un sound molto udibile. Messo in autostrada, questo motore gira tranquillo anche in modalità Eco, dove viaggiando a pelo di gas mantiene quasi i dati promessi sui consumi. Occhio però a prenderli per dogma, vista l’indole è capace di consumare ben oltre, come accaduto a noi per verificarne le doti. Doti che lasciano soddisfatti, gli automobilisti medi, anche nelle salite con carico. Per loro e per gli inesperti questo EAT8 è a prova di errore. Anche messo in modalità manuale (paddle fisse dietro a volante) non lascia mai uscire dal range ottimale di giri. Insomma, con questo Puretech 180 C5 Aircross è più “pure” per chi apprezzi. Sempre forti, nel senso buono, le assistenze che propone la Casa, con un Cruise e il controllo di corsia ben modulabili e gentili. Fantasia in esubero per la strumentazione 12,3’’ che tutta digitale, replica anche troppo il dato tachimetrico (stile barra orizzontale anni Sessanta, in alto, più il resto) e troppo poco i giri motore. VIsibilità, in ogni lato, non eccelsa come per molti di questi SUV, con segnalazione e visione da camera comunque più che sufficienti a parcheggiare bene.

Sul mercato

Pronto a uscire dalle concessionarie e sfidare parecchi rivali, il nuovo SUV Citroën C5 Aircross con il motore benzina da 180CV e il cambio EAT8 è disponibile in due allestimenti (Feel e Shine) a prezzi, chiavi in mano, rispettivamente di 33.200 euro e 35.700 euro. La gamma C5 Aircross è ovviamente più estesa, anche se non come quella di certi concorrenti. La si può verificare dal comodo configuratore online CItroen, includendo anche versioni diesel, da 130 o 180CV e il piccolo 1.1 a benzina da 130CV. Se siete "malati" dell'ibrido come molti, troppi francamente, allora dovete attendere ancora un semestre.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Citroen C5
Modelli top Citroen
Maggiori info
Citroen
  • Citroen Italia S.p.A. Via Gattamelata, 41
    20149 Milano (MI) - Italia
    800 80 40 80   http://www.citroen.it