novità

Mercedes C43 AMG M.Y 2018 | serve davvero il V8? [Video]

-

Il refresh estetico della Classe C porta in dote qualche cavallo in più sulla versione 43 AMG. A questo punto con 390 CV quanto c'è davvero bisogno del V8?

Il 2018 vede un restyling di metà carriera per l’attuale generazione di Mercedes Classe C, lanciata nel 2014. Vi avevamo dato un assaggio a Ginevra con la C43 che adesso abbiamo avuto modo di guidare sulle strade tedesche nei dintorni di Trier, la capitale del WRC Deutscheland. Oltre al refresh estetico, ci sono anche delle novità sotto il cofano. La 43 AMG, disponibile in tutte le versioni sale a quota 390 CV e 520 Nm, numeri sufficienti per farla passare da 0 a 100 in 4,7 secondi fino alla massima velocità di 250 Km/h. Il look si aggiorna con dei nuovi fari, entrambi full LED adattivi in versione Multi Beam e High Performance.

Piccoli dettagli per gli esterni della Classe C43 AMG
Piccoli dettagli per gli esterni della Classe C43 AMG

Dal vivo: com’è fuori

Altri ritocchi si concentrano sulla maschera anteriore che adesso è disponibile per i modelli AMG con i listelli cromati disposti verticalmente in stile AMG GT, mentre al posteriore troviamo, oltre ai fari LED, un nuovo estrattore, con funzione prettamente estetica e i nuovi scarica che adesso non sono più trapezzoidali ma tondi. Non cambiano le dimensioni in tutto questo: con i soliti 4,68 m di lunghezza, 1,81 m di larghezza e 1,40 di altezza per la coupé (4 cm in più per sedane e wagon).

Dal vivo: com’è dentro

Non manca qualche novità anche all’interno dell’abitacolo, con il nuovi sistema di infotainment che adesso guadagna uno schermo da 10,5” che non si può comandare tramite touch ma che è ampiamente facile da leggere e utilizzare nella navigazione dei menù. Non solo, la digitalizzazione interessa anche il quadro centrale con un display da 12,3” dove sono indicate tutte le informazioni relative alla vettura oltre all’indicatore di giri e velocità. Non mancano i classici sedili a guscio rivestiti in pelle con la fima AMG, molto comodi per la vita di tutti i giorni e pronti a trattenervi quando decidete di alzare il ritmo.

Cockpit digitalizzato per adeguardi alle altre della famiglia
Cockpit digitalizzato per adeguardi alle altre della famiglia

Dal vivo: come si guida

Una domanda che ci è saltata in testa dopo pochi km è: c’è davvero bisogno un V8 qua sotto? La sorellona C63 porta su strada altri 120 CV oltre a molta più coppia, che però dovete gestire con le sole ruote posteriori. Ed ecco il punto; su strada aperta, con limiti, ciclisti ecc non è forse meglio sfruttare tutti i cavalli a disposizione, invece che dover sempre lasciare qualcosa sotto il cofano per l’impossibilità di scaricarlo a terra data la situazione? Senza considerare che una trazione integrale (nessuno se ne va driftando per strada) riesce a essere molto più efficace in molte più condizioni. L’equazione quindi ci porta a fare i conti con il pacchetto che questa C43 mette su strada. Una potenza nei limiti del ragionevole, ben gestibile grazie a un assetto molto composto, un gran sound del V6 e un doppia frizione che di questi tempi comincia a essere una rarità. L’auto perfetta vi chiederete? No, quella non esiste, ma non siamo distanti da un concetto del genere. Al motore manca qualcosa in allungo nella parte alta del contagiri, e il cambio a volte proprio non vuole sapere di togliere la marcia in inserimento se cercate un po’ di freno motore scalando. Non c’è l’arroganza del V8 è vero, ma la velocità che il 6 cilindri porta su strada a un certo punto richiede molta concentrazione. La stessa uscita dalle curve è notevole e visto che, anche senza controlli, non c’è una sola ruota che pattini, la progressione è immediata. L’assetto risponde bene, se siete puliti asseconda ogni richiesta e la stabilità nel veloce, come già detto, comincia a richiedere una non modesta dose savoir faire. Lo sterzo invece potrebbe connettere meglio con il frontale ma lo salviamo visto il peso da auto sportiva, che aiuta a calibrare ogni spostamento. Anche i freni non hanno un mordente racing, ma sono intuitivi e costanti, trasmettono molta sicurezza.

Datele un autobhan e vi farà volare, ma anche in campagna non scherza
Datele un autobhan e vi farà volare, ma anche in campagna non scherza

La C43 AMG si dimostra poi un’auto ottima per la vita di tutti i giorni. Grazie al Dynamic Select è possibile quietare il mostriciattolo sotto il cofano e rilassare i passaggi di marcia del 9 rapporti, che a questo punto lavora per tenere i giri motore più in basso possibile (130 km/h a 2000 giri/min). I cerchi da 19 non si fanno troppo sentire e l’ambiente ben insonorizzato la rende perfetta per i lunghi viaggi. Certo che se guardate all’economia, le alleate più valide sono le classiche diesel o il nuovo motore benzina EQ Boost 1.5 L (M264) da 184 CV che a breve approfondiremo.

In conclusione:

Nel caso vi aspettaste la sorellina spompata della C63 state tranquilli, la C43 AMG ha carattere da vendere e se siete in cerca di una sportiva per tutti i giorni di alto livello, con i suoi 62.000 Euro, può essere una papabile scelta. Vero è anche che in giro ci sono V6 da oltre 500 CV, ma a questo punto è inevitabile guardare in faccia la realtà e chiedersi se sia meglio utilizzare tutto quel ‘poco’ che si ha o sprecare

 

  • marco287, Bagno a Ripoli (FI)

    Il cambio non è un doppia frizione
  • aperuggini9693, Milano (MI)

    Scusate se esco un attimo fuori tema, ma quando farete il test drive della nuova Peugeot 508?
Inserisci il tuo commento
Altri su Mercedes-Benz Classe C
Maggiori info
Mercedes-Benz