Mercedes Classe C SW, PRO e CONTRO | La pagella e i numeri della prova strumentale [Video]

  • Voto di Automoto.it 7 / 10
Pubblicità
Matteo Valenti
  • di Matteo Valenti
Come va la Mercedes Classe C 300e? C’è solo un modo per scoprirlo: provarla - davvero. Perché raccontare un mezzo è semplice. Ma giudicarlo, in maniera oggettiva, è tutto un altro discorso. Per questo, noi, useremo prove - Strumenti - Una pista. E… un ingegnere. E alla fine vi racconteremo, nero su bianco, i pro e i contro. Perché oggi, alla Mercedes Classe C 300e, daremo pure i voti, col mitico “pagellone" di Automoto.it
  • Matteo Valenti
  • di Matteo Valenti
11 gennaio 2023

Come va la nuova Mercedes-Benz Classe C SW? E soprattutto: è una valida alternativa alle rivali di sempre BMW Serie 3 Touring e Audi A4 Avant? Per scoprirlo useremo prove, strumenti, una pista e un ingegnere, con un unico obiettivo. Raccontarvi i pro e i contro, perché i pro, quelli, ve li dicono tutti, ma noi, qui, vi diciamo anche i contro scritti belli chiari, nero su bianco. Alla nuova Mercedes Classe Ce, infatti, daremo anche i voti, col mitico “pagellone di Automoto.it” che, come sempre, trovate alla fine del video.

I Pro e Contro di Automoto.it sono powered by: 

 - FIAMM, scopri tutti i prodotti e i servizi 

- GEOTAB, scopri come funziona sul sito

- BE CHARGE, tutte le info su ricariche e abbonamenti

Pro e Contro

 

Pro

  • Tecnologia: l’Mbux è uno dei migliori sistemi in circolazione. Ottimi gli Adas, anche se troppi sistemi rimangono optional

  • Autonomia EV: è una delle PHEV che fa più km con una ricarica. Se fate tanta autostrada, però, conviene comunque prenderla diesel

 

Contro

  • Freni: gli spazi di arresto, pur non essendo strabilianti a causa di un peso molto elevato, sono nella norma. La modulabilità del pedale, però, è tutta da rivedere

  • Baule: i litri a disposizione, come capita quasi sempre con le PHEV, sono davvero troppo pochi

 

Scheda tecnica

 

Mercedes-Benz Classe C 300e

 

Alimentazione: benzina

Elettrificazione: ibrido plug-in

Motore termico: quattro cilindri 

Cilindrata: 1.999 cc

Motore termico: 204 CV

Motore elettrico: 129 CV

Potenza complessiva sistema: 313 CV 

Coppia complessiva sistema: 440 Nm

Cambio: automatico 9 rapporti

Lunghezza: 4,79

Larghezza: 1,82

Altezza: 1,46

Passo: 2,86

Peso: 2.045 kg

Serbatoio: 50 litri

Prodotta a Brema, Germania


 

 

Pagellone

Voto 0-10

 

Consumo e Autonomia

6

 

Accelerazione

8

 

Ripresa

8,5

 

Frenata

5

 

Dinamica di guida

7,5

 

Sterzo

7,5

 

Cambio e Sistema ibrido

7,5

 

Comodità (sosp+insonoriz.)

7,5

 

Visibilità/agilità/Park

7

 

Spazio

7,5

 

Bagagliaio

4

 

Qualità

8

 

Tecnologia

8,5

 

Assistenza alla guida

8

 

Costo/noleggio

5

 


 

VOTO: 68/100


 

Consumo 6

Grazie a una batteria decisamente più capiente rispetto a quella delle concorrenti, da 25,4 kWh, riesce a fare 90 km senza consumare nemmeno una goccia di verde. Che non saranno i 107 dichiarati, ma rimangono un valore ben superiore a quello di tutte le plug-in che abbiamo provato. Come spesso accade con le ibride ricaricabili l’entusiasmo rischia di scemare con troppa facilità quando si deve fare un lungo viaggio. Perché, una volta esaurita l’autonomia elettrica, si inizia a viaggiare in ibrido full. E il quattro cilindri turbo benzina inizia a richiedere benzina con un po’ troppa foga. In media, l’ingegnere, in questo frangente è riuscito a fare poco più di 12 km/l, un risultato non esaltante per una ibrida. Su cui ha pesato sicuramente il lungo tratto autostradale a 130 km/h previsto dal nostro ciclo

Accelerazione 8

Nonostante la pista bagnata e le temperature rigide questa Mercedes è riuscita a eguagliare senza problemi il valore dichiarato. In media le bastano 6,2 secondi per uno 0 - 100, davvero tanta roba per una station. Attenzione soltanto alla BMW 330d, che nonostante abbia qualche cavallo in meno e l’assenza di un sistema ibrido, riesce a essere ancora più veloce con il sei in linea a gasolio. La colpa è del peso elevato: la C plug-in, complice il pacco batterie, deve portare a spasso 2 tonnellate. Una massa da Suv, più che da station…

Ripresa 8,5

Come sempre impressionanti i valori delle ibride ricaricabili in ripresa. Per passare da 80 a 120 alla C 300e bastano meno di 4 secondi. Un tempo questa volta migliore della BMW 330d e anche di un’auto più grande ma anche più potente come l’Audi A6 TFSIe. In grafica, nella prova video, abbiamo messo modelli già provati nei pro e contro che magari non sono concorrenti diretti della Classe C, ma che ci permettono comunque di trarre conclusioni interessanti. In particolare colpisce il risultato della CX-60 PHEV, che ha più cavalli, ma che risulta un pochino più lenta visto che deve fare i conti con tutti gli svantaggi tecnici tipici del suv. Insomma, ancora una volta: w le station

Frenata 5

Il valore è paragonabile soltanto con quello della BMW 330d, provata a suo tempo con gomme invernali, proprio come questa Classe C che, però, ha dovuto fare i conti con una pista bagnata. Un arresto in 44 metri con gomme termiche e acqua è buono, anche se non strabiliante. La colpa, ancora una volta, è della massa decisamente importante, dovuta al sistema plug-in. Quello che non ci ha convinto, in modo particolare, è la modulabilità del pedale: il passaggio dalla frenata rigenerativa a quella tradizionale non è per niente armonico e si fatica a imprimere in ogni situazione la forza frenante necessaria o desiderata. Taratura, quindi, da rivedere

Dinamica di guida 7,5

Una classica Mercedes, pensata per offrire spostamenti a lungo raggio in grande comfort. La dinamica di guida è curata, di gran livello, ma non si sfocia mai nella sportività perché qui la parola d’ordine è soltanto una: comodità

Sterzo 7,5

Un comando da giusto carico e consistente, con un feeling di carattere e una buona progressività. Non è velocissimo né precisissimo, perché qui, ancora una volta, conta di più la qualità della guida in souplesse 

Cambio e sistema ibrido 7,5

Il 9G-Tronic si conferma un ottimo convertitore di coppia. Non avrà l’incisività di una ZF a otto marce, ma rimane dolcissimo nel cambio marcia, pronto e con logiche di gestione impeccabili. Quando si viaggia a batteria scarica, però, era lecito aspettarsi un maggior apporto del sistema ibrido. Nelle ripartenza il motore elettrico interviene soltanto per pochi istanti, con il termico che attacca quasi subito

Comodità 7,5 

È il vero punto di forza di questa station tedesca. Il merito è anche del retrotreno con molle ad aria, che garantisce una capacità di smorzamento eccezionale. I lunghi viaggi non sono mai un problema, anche a pieno carico

Visibilità/agilità/Park 7

Non è un’auto compatta, ma i sistemi di ausilio al parcheggio danno una mano concreta. Le telecamere offrono immagini ad altissima risoluzione. Peccato che gli optional più avanzati, come la visione a 360 oppure il sofisticato parcheggio automatico siano opzionali

Spazio 7,5

C’è grande agio per quattro passeggeri, mentre il quinto rimane pesantemente sacrificato. Attenzione all’accessibilità: la seduta è piuttosto bassa e l’apertura dello sportello posteriore non agevola al massimo la salita e la discesa dei passeggeri

Bagagliaio 4

È il vero difetto di quest’auto, perlomeno nella versione plug-in dove il pacco batteria toglie litri preziosi al vano e impedisce del tutto di avere un doppiofondo. Considerando gli ingombri il baule è veramente troppo poco capiente: chi cerca più spazio deve rinunciare alla tecnologia phev

Qualità 8

Queste Mercedes di ultima generazione si confermano delle ottime auto a livello costruttivo. Soprattutto dentro, dove materiali, finiture e assemblaggi sono di alto profilo. Peccato solo per il piano black, utilizzato con un po’ troppa foga, e per alcuni comandi non all’altezza del progetto

Tecnologia 8,5

La nuova C eredita il nuovo sistema multimediale Mbux che si lascia apprezzare per fluidità, rapidità e completezza. È talmente ben fatto che non è necessario rifugiarsi a tutti i costi nei sistemi Android Auto ed Apple CarPlay. Se la batte con il migliore della categoria, l’Audi MMI

Assistenza alla guida 8

I sistemi sono completissimi e di altissimo livello, con correzioni veramente utili e naturali. Peccato che molte delle ottime tecnologie siano offerte soltanto come optional

Costo/noleggio 5

Una versione plug-in, come la nostra, a cui mancano una serie di optional, a partire dal cruise adattivo, costa comunque parecchio, circa 65.000 euro. Considerate che la gamma Classe C parte da poco più di 50k. In rete non si trovano grandi sconti, come spesso accade con le auto di fascia premium. Quindi fatevi bene i conti in tasca: il plug-in è vantaggioso soltanto per chi potrà ricaricare tutti i giorni, con corrente a buon mercato, sfruttando i vantaggi dell’abbondante autonomia elettrica. Ma se fate tanta strada, magari in autostrada, allora potrebbe convenire un bel diesel mild. Che, a parità di allestimento, costa meno. E che riesce a garantire percorrenze migliori sulle lunghe distanze. Costi di gestione comunque interessanti per la plug-in, visto che molto regioni prevedono esenzioni parziali o totali sul bollo

Pubblicità
Caricamento commenti...
Mercedes-Benz Classe C
Mercedes-Benz

Mercedes-Benz
Via Giulio Vincenzo Bona, 110
Roma (RM) - Italia
800 77 44 11
https://www.mercedes-benz.it/

  • Prezzo da 51.641
    a 86.410 €
  • Numero posti 5
  • Lunghezza 479 cm
  • Larghezza da 182
    a 190 cm
  • Altezza 144 cm
  • Bagagliaio 360 dm3
  • Peso da 1.650
    a 2.145 Kg
  • Segmento Tre volumi
Mercedes-Benz

Mercedes-Benz
Via Giulio Vincenzo Bona, 110
Roma (RM) - Italia
800 77 44 11
https://www.mercedes-benz.it/