Nuova Alfa Romeo Giulia e Stelvio più tecnologiche. E le "vecchie"?

Nuova Alfa Romeo Giulia e Stelvio più tecnologiche. E le "vecchie"?
Pubblicità
Carlo Bellati
  • di Carlo Bellati
Fermi tutti, arrivano le nuove Giulia e Stelvio aggiornatissime, fari full led eccetera. Ok, ma qual è l'essenza di questi due modelli (del primo in particolare)? E se scoprissimo che un'usata "fresca" è ancora una delle migliori auto per chi ama guidare?
  • Carlo Bellati
  • di Carlo Bellati
7 novembre 2022

L'arrivo del restyling di due top Alfa Romeo come Giulia e Stelvio fa sempre rumore, si discute, ci si confronta, meglio questa o quella? Poi un collega sgancia la bomba: c'è un concessionario che me ne da una nuova del 2022 turbodiesel da 160 CV full optional a 36.000 euro.Va beh, mettiamo anche che l'abbia sparata un po', ma cavoli, 36 mila euro? Forse per un'auto in run-out qualsiasi non ne varrebbe la pena, ma chiunque abbia guidato una Giulia sa che con 36 mila euro (ma anche 38-40) è molto difficile, per non dire impossibile, trovare qualcosa di meglio, parlando di rapporto felicità/prezzo.

Il progetto della Giulia voluto da Sergio Marchionne sin dall'ideazione, riporta in primo piano nel 2016 quegli aspetti di guida che si sono un po' persi nel tempo con la diffusione della trazione anteriore e integrale, ossia il feeling di guida dato da un'auto perfettamente bilanciata con motore longitudinale e trazione posteriore, uno schema che era scomparso dai radar Alfa Romeo dal 1993, per quando riguarda le auto di serie (Alfa 75). Benché in ritardo sui programmi e criticata per alcune "mancanze" tecniche (infortainment, luci, ecc.) il parere è unanime: la guida è perfetta, e non si parla solo della strapotente Quadrifoglio, ma anche delle versioni base da 150/200 CV.

Ma oggi varrebbe la pena di comprarne una di fine serie? A fronte di prezzi invitanti, a cosa si dovrebbe rinunciare? Abbiamo parlato del restyling in queste pagine, dove sono in bella evidenza i fari full led in stile Alfa Romeo Tonale e un importante upgrade digitale degli strumenti e del software di bordo. Nulla che abbia realmente modificato le qualità di handling, frenata, risposta dello sterzo, bilanciamento dell'assetto (dando per scontato il fatto che la tecnologia dei fari migliora la sicurezza).

Ma cos'ha di così particolare nella guida? La prima cosa che piace, senza nemmeno accendere il motore, è la posizione di guida bassa rispetto a terra e al pavimento, in intimo contatto con l'auto, esaltata dal volante verticale, dal sedile non troppo morbido e dalla posizione del cambio e della pedaliera. Quando si è in movimento, l'altro effetto wow è per il volante da 37 cm: alla prima curva si ha immediatamente la percezione di una immediatezza fuori dal comune, tant'è che le prime volte si tende sempre ad esagerare un po' con l'angolo di sterzo; il "lock to lock" è di 2,1 giri (per avere un confronto una BMW Serie 3 è a 2,3). Il tutto senza affaticare le braccia (poco più di 1,3 kg lo sforzo al volante) e con poche reazioni dal fondo stradale.

La seconda cosa che piace tantissimo è il bilanciamento del telaio in curva: l’inserimento è velocissimo, il comportamento inizialmente neutro accenna ad un'innata tendenza ad allargare con la coda, cosa che lascia ampio spazio al guidatore per scegliere una traiettoria sicura, con l'intervento dei controlli elettronici forse un attimo prima di quanto desidererebbero i piloti più sportivi, ma tutto sommato va bene così. Il rollio è quasi inesistente e viene comunque stoppato in un baleno.

È il momento di tirare qualche conclusione: in rapporto ai prezzi scontati che si possono trovare in circolazione, ora che è stato comunicato il restyling ufficiale, l'Alfa Giulia nella serie che esce di scena è a nostro parere un ottimo investimento per chi ama le curve e apprezza la bella guida e ritiene di poter rinunciare a certi equipaggiamenti che verranno introdotti nella versione 2023. Magari, potendo scegliere, chi fa molta strada si indirizzi al diesel 2.2 da 160 CV, che riesce a percorrere realmente 15 km/litro in media. Senza sconfinare nel fantasmagorico mondo della Quadrifoglio, il 2 litri benzina da 200 CV è un ottimo connubio fra consumi reali di 12,5 km/litro (piede leggero, però) e prestazioni.

Abbiamo lasciato un po' da parte la Stelvio in questa disamina non perché non sia desiderabile, ma perché è chiaro che la sua maggior altezza (8 cm in più dal pavimento, 11 da terra) attutisce molte delle qualità di guida di cui abbiamo parlato, pur restando una delle Suv più gradevoli per viaggiare. E per chi se lo fosse perso, ecco il test di #Masterpilot Emiliano Perucca Orfei che ci racconta tutto della Giulia del 2020.  

Da Moto.it

Pubblicità
Caricamento commenti...
Cambia auto
Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo

Alfa Romeo
Corso Giovani Agnelli, 200
Torino (TO) - Italia
800 253 200
https://www.alfaromeo.it/

  • Prezzo da 47.000
    a 99.000 €
  • Numero posti 5
  • Lunghezza da 464
    a 465 cm
  • Larghezza da 186
    a 187 cm
  • Altezza da 143
    a 144 cm
  • Bagagliaio 480 dm3
  • Peso da 1.520
    a 1.695 Kg
  • Segmento Tre volumi
Alfa Romeo

Alfa Romeo
Corso Giovani Agnelli, 200
Torino (TO) - Italia
800 253 200
https://www.alfaromeo.it/