novità

Volkswagen Golf GTI Clubsport, 300 CV per la Golf più veloce che c'è

-

Alla Golf GTI si affianca una versione ancora più spinta: da 0 a 100 km/h in meno di 6 secondi grazie a più cavalli ed un telaio pensato sui saliscendi del Nurburgring

Nonostante l' “ondata” elettrica rappresentata dalla famiglia “ID”, Volkswagen dimostra di credere ancora nelle auto sportive con la nuova Volkswagen Golf GTI Clubsport, che non è un'edizione limitata della Golf GTI ma un modello ancora più performante che sarà prodotto in tutte quelle unità che il mercato vorrà acquistare.

Un atto di fiducia verso un'utenza sempre più di nicchia, che è stata coccolata per bene attraverso un'ulteriore evoluzione della pur già veloce Golf GTI, una pietra miliare della Casa di Wolfsburg che resiste nel listino della Casa di Wolfsburg dall'ormai lontano 1976. In questi 44 anni sono stati totalizzati ben 2,3 milioni di Golf GTI vendute. Un'enormità rispetto alle 5.000 originariamente in programma.

Ecco perché se si chiede se c'era bisogno di un'altra Golf GTI, a Wolfsburg risponderanno immancabilmente di sì. Basata sull'ottava generazione della Golf GTI, questa variante Clubsport, la seconda dopo quella su base Golf GTI 7 creata nel 2016 per i 40 anni della Golf GTI, se ne discosta decisamente.

La plancia della Golf GTI Clubsport 2020
La plancia della Golf GTI Clubsport 2020

Quota 300 CV

Innanzitutto per un dato fondamentale per ogni sportiva: i cavalli. Da 245 si passa a 300 CV tondi tondi, mentre la coppia sale da 370 a 400 Nm. E' l'effetto di una serie di ottimizzazioni al 2 litri 4 cilindri turbo TSI che ora raggiunge la generazione EA888 evo4: turbo di maggiore portata e intercooler quindi maggiorato, maggiore pressione dei nuovi iniettori (da 200 a 350 bar), qualche accorgimento in termini di attriti e una mappatura più spinta che estende il picco di coppia massima ad un range di giri più ampio.

L'unità di questa versione è abbinata unicamente al cambio doppia frizione DSG a 7 rapporti, appositamente tarato con rapporti più corti e punti di cambiata più aggressivi rispetto alla GTI.

Non è conosciuto ancora il tempo definitivo sull'accelerazione 0-100 km/h, ma la Casa tedesca dichiara ufficialmente che sarà inferiore a 6 secondi. La velocità massima è impostata sui canonici 250 km/h.

Spoiler, minigonne e diffusore sono stati appositamente sviluppate
Spoiler, minigonne e diffusore sono stati appositamente sviluppate

Nata sul Ring

La prima Golf GTI Clubsport S nel 2016 conquistò il tempo più veloce della sua categoria al Nurburgring. Di quell'esperienza i tecnici di Wolfsburg hanno fatto tesoro, tanto da coinvolgere nello sviluppo il pilota Benny Leuchner che di quel record fu l'autore.

Basti pensare che tra le modalità di marcia ce n'è una esclusiva di questa versione, l'impostazione "Nurburgring", che offre la massima potenza come la Sport+, ma sospensioni molto più morbide, visto quanto è accidentato e tortuoso il Nordschleife. Un settaggio dunque che si può utilizzare in quei percorsi tutti da guidare, ma con un fondo che non è proprio un tavolo da biliardo.

Nel più difficile circuito del mondo i progettisti hanno messo a punto una serie di migliorie per il telaio. Tra le novità più importanti vi è l'integrazione del differenziale elettromeccanico anteriore con gli altri controlli elettronici del telaio come le sospensioni attive DCC, evoluzione che permette maggiore feeling e trazione in curva. E' stata inoltre aumentata la demoltiplicazione dello sterzo, ora molto più diretto. 

L'evoluzione ha toccato anche la cinematica delle sospensioni, McPherson davanti e multilink dietro. All'anteriore, il camber dello schema McPherson è stato aumentato, mentre al retrotreno sono stati adottati nuovi bracci, molle e ammortizzatori per ottenere un comportamento più neutro.

I freni sono più potenti: all'anteriore vi sono dischi da 357 mm con pinze flottanti a doppio pistoncino in alluminio (rosse con logo “GTI”). Complessivamente, la luce a terra è ridotta di 1,5 cm rispetto alla GTI standard.

Vestito esclusivo

Tutto questo impegno meritava un look adeguato, che allo stesso tempo assecondasse e permettesse di raggiungere le maggiori prestazioni. Ecco dunque un nuovo frontale con aperture più larghe ed uno splitter più pronunciato per incrementare la deportanza, minigonne, diffusore e spoiler posteriore disegnati appositamente.

I cerchi possono essere da 18” o da 19”, questi ultimi disponibili in due disegni, con gomme rispettivamente 225/40 e 235/35.

All'interno si ritrovano dei tocchi immancabilmente racing, come le cuciture rosse, il volante sportivo con pelle perforata ai lati, sedili con rivestimento esclusivo del modello e la pedaliera in alluminio.

Dell'equipaggiamento di serie fanno parte l'illuminazione dell'abitacolo premium, quattro porte USB, sistema di infotainment Discover Media e la strumentazione digitale Digital Cockpit.

Il prezzo per l'Italia sarà rivelato più avanti. Non si sa di quanto sarà superiore a quello della Golf GTI 8, ma sicuramente sarà giustificato dalle maggiori prestazioni: sul Nordschleife la Clubsport gira di 13 secondi più veloce rispetto alla GTI, cioè 7.54 secondi contro 8.07.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Volkswagen Golf
Maggiori info
Volkswagen
  • VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.P.A. Viale G.R. Gumpert, 1
    37137 Verona (VR) - Italia
    800 865 579   http://it.volkswagen.com