motori ibridi vw

Volkswagen Nuova Golf 8, Ordini a fine anno? Ecco il mild hybrid che piace agli italiani

-

Convinti di volerla ibrida leggera, la nuova Volkswagen, Golf? Ecco allora il sistema elettrico + benzina che spopolerà sotto i cofani dell’ottava serie: EA211 evo mild hybrid

Volkswagen Nuova Golf 8, Ordini a fine anno? Ecco il mild hybrid che piace agli italiani

Ve ne parliamo già abbastanza, di nuova Volkswagen Golf ottava serie, ma visto che di recente i tedeschi hanno rinnovato le informazioni, per l’impianto motore elettrificato, ecco una piccola “spiega”. Di cosa? Di quel motore benzina più elettrico che il nostro Fumagalli era già stato a provare in quel mega circuito (ex)segreto di Ehra-Lessien, dove si accede solo dopo mille controlli: "Ottimo e centrato, sul giusto fronte, anche se nulla di trascendentale - ci diceva lui già nel 2017 - Giusto per modelli compatti o medi e pronto da subito, se volessero. Perchè ordinaria amministrazione a livello tecnologico, dentro a un colosso come il gruppo VW".

Ma l’interesse per il debutto dell’ottava Golf, a inizio 2020, si porta dietro necessario “remind” dopo qualche anno. Perché ancora qualcuno, giustamente, deve conoscerle le varianti di motore Euro6D elettrificate che propongono i tedeschi sul mercato con l’auto che sarà magari già ordinabile sul finire d'anno.

TSI mild-Hybrid

In sintesi, quello che attrarrà per la maggiore molti automobilisti italiani (“l’ibrido VW!”) nulla è che la dovuta evoluzione dei motori benzina VW, quelli dove loro ci fanno buone economie di scala, visto che su questi TSI non si dannano l’anima, come per i TDI coinvolti nel dieselgate su cui purtroppo smanettare e spendere (aspirazione e scarico più macchinosi, controllati e complicati della combustione stessa) per “sanare” le emissioni.

Il mild-hybrid Volkswagen della Golf 8 è un normale sistema a 48V adattato sia ai 1.0 sia ai 1.5 TSI serie EA211 evo. Già che siamo moderni, ovviamente la trasmissione gradita sarà automatica, con DSG anche quello evoluto e alleggerito.

Con il BSG (Generatore, Starter e “Booster” insieme) e quella piccola batteria da 48V che accumula energia (dalla frenata) il risparmio di carburante è stimato fino a 0,4 l/100 km in meno. La figata vera percepita al volante è non la potenza, ma il veleggiamento, sailing, che spegne il termico per qualche istante anche a grandi velocità: rientra in funzione come il burro, senza percezione fisica (solo uditiva). Ma che conta, industrialmente e per gli automobilisti, è che questo ibridino tedesco lo si fa e lo si vende agli amanti del brand con poca differenza, senza gli oneri del plug-in.

Molti costruttori asiatici già lo fanno su tutta la gamma, però il target che li “considera” è limitato, rispetto al mondo Volkswagen e alla mitica Golf. La Golf poi, usa anche il sistema di geo-localizzazione per ottimizzare il tutto secondo il percorso impostato e i limiti di velocità: quello che il piede dell’italiano medio forse non farebbe, di media.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Volkswagen Golf
Maggiori info
Volkswagen
  • VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.P.A. Viale G.R. Gumpert, 1
    37137 Verona (VR) - Italia
    800 865 579   http://it.volkswagen.com