prova su strada

Infiniti Q50

Il coraggio di osare
-

Non ha collegamenti fisici tra il volante e le ruote, è spinta dal 2.2 diesel Mercedes ed ha i sedili firmati dalla Nasa. E' la nuova segmento D del brand di lusso nipponico, che entra in listino a 36.100 euro

Infiniti Q50

Il debutto della nuova Infiniti Q50 segna a tutti gli effetti l'inizio di una nuova era per il brand di lusso nipponico della galassia Renault/Nissan. Un'era in cui giocano un ruolo fondamentale la tecnologia, le prestazioni, ma soprattutto un modo di concepire l'automobile decisamente più europeo seppur con nette differenze rispetto a quelle che sono comunque le rivali dichiarate, ovvero le "solite" Audi, BMW e Mercedes.

 

Infiniti, insomma, prende le distanze da Lexus ed Acura facendosi deliberare la dinamica della Q50 dal quattro volte campione del mondo di F1 Sebastian Vettel (Direttore Reparto Alte Prestazioni Infiniti), introducendo per prima al mondo uno sterzo elettronico senza collegamenti fisici tra il volante e la cremagliera (Direct Adaptive Steering) e, non ultimo, posizionando sotto al sinuoso cofano della nuova segmento D la combinazione ibrida più veloce al mondo e, sul fronte diesel, quello che viene considerato uno dei migliori motori quadricilindrici al mondo, il 2.2 litri tuirbodiesel utilizzato da Mercedes-Benz dalla Classe C alla Classe S.

infiniti q50 12
la nuova Infiniti Q50 inaugura una nuova era per quanto riguarda lo stile della Casa nipponica

E' la prima del nuovo corso

Lunga 480 cm, larga 182 ed alta 144 (passo 285) la Q50 cela sotto forme molto moderne un bagagliaio da 500 litri. Forme che non hanno poi molto a che fare con gli altri modelli della gamma ma che, a detta dei vertici della Casa nipponica, rappresentano il punto di inizio di un nuovo corso stilistico che si ritroverà anche sull'ormai prossima crossover Q30.

 

Uno stile che era già stato annunciato nel 2009, dalla Concept Essence, e poi evoluto nella più recente Etherea del 2011, dalla quale la Q50 eredita lo sguardo e la forma della calandra. Elegante, anche se molto elaborato, l'andamento della fiancata mentre è curioso notare come gli stilisti Maserati e quelli Infiniti siano arrivati a intepretare la forma del volume posteriore (gruppi ottici compresi) della Ghibli e della Q50 praticamente allo stesso modo.

infiniti q50 (18)
Gli interni sono molto curati e ricchi di tecnologia

Interni: ci sono due maxidisplay

Gli interni della Q50 sono disegnati in modo molto moderno e sono pensati per fare spazio a due schermi di generose dimensioni sovrapposti uno all'altro. Quello superiore (3.230 euro con hi-fi Bose) è da 8" e svolge funzioni di visualizzazione di mappe, posta in arrivo, calendario, bussola, performance di guida (G laterali, consumi, etc) e diagnostica vettura, mentre quello inferiore da 7" svolge un ruolo di touch screen per il comando delle principali funzioni digitali da utilizzare in alternativa al classico pomello/joystick posto che viene comunque proposto appena dietro la leva del cambio. Degni di nota anche il sistema di riconoscimento vocale ed, in tanta tecnologia, la presenza di tasti meccanici sulla plancia e sul volante per le principali funzioni di tutti i giorni, come la radio, il clima, la ricerca stazione, la scelta della sorgente media.

Tra le curiosità della nuova Q50 si fa notare la progettazione dei sedili per i quali è stata "scomodata" addirittura la Nasa

 

Tra le curiosità della nuova Q50 si fa notare la progettazione dei sedili per i quali è stata "scomodata" addirittura la Nasa: non è la proma volta che l'ente spaziale americano viene chiamato in causa per la realizzazione di una vettura. L'altra volta fu per il sistema a scomparsa dei sedili Stow&Go della Chrysler Voyager. A differenza di Chrysler, però, i tecnici Infiniti hanno chiesto lumi su come riprodurre una posizione del corpo neutra, come fosse in assenza di gravità, così da rendere meno impattante possibile per il corpo la seduta a bordo della vettura.

infiniti 150 confronta modello def
Metti a confronto la nuova Infiniti Q50 con la sua antenata e con le sue dirette rivali grazie al nostro Confronta Modello

Sterzo "by wire" DAS: è la prima

Ma i sedili non sono l'unico elemento antistress della Q50. Il nuovo sterzo elettronico, di serie sugli allestimenti superiori, rappresenta un interessante passo avanti in termini di sicurezza e di confort non solo perché in base all'impostazione di guida lo sterzo risponde più o meno velocemente (cosa che già fanno alcuni sterzi con demoltiplicazione variabile) ma anche perché l'assenza di collegamento tra il piantone e la cremagliera permette di evitare il trasferimento al volante di vibrazioni o reazioni anomale dettate dal fondo stradale.

 

Come se non bastasse il sistema permette di apportare correzioni alla traiettoria della vettura (ad esempio nei cambi involontari di carreggiata) senza una visibile rotazione del volante, come invece avviene con gli sterzi tradizionali, a tutto vantaggio di una guida più rilassata, confortevole e sicura.

 

E se la vettura dovesse avere un black-out? Domanda lecita alla quale i tecnici Infiniti hanno risposto introducendo una frizione che ripristina immediatamente il collegamento meccanico in caso di "failure" del sistema, che a monte prevede tre diverse centraline di gestione del sistema a loro volta pensate per controllarsi vicendevolmente.

infiniti q50 (25)
Lo sterzo elettronico DAS

Sicurezza attiva e passiva al top

Numerosi i sistemi che, oltre allo sterzo, vigilano sulla sicurezza della Q50 in modo attiva: con il Dynamic Safety Shield (2.620 euro) la vettura oltre i 70 km/h rimane autonomamente in carreggiata, ma è anche in grado di mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo che precede con il cruise control attivo e riesce a visualizzare cosa c'è intorno nelle fasi di manovra attraverso una visione esterna periferica. Non mancano il Blind Spot Intervention, che rileva la presenza di veicoli nella zona dell’angolo cieco della corsia adiacente aiutando il guidatore ad evitarli, ed il sistema di avviso anticollisione anteriore predittivo (Predictive Forward Collision Warning) che avvisa di una possibile collisione anche se la causa è al di fuori del campo visivo.

La preferita per il nostro mercato sarà indubbiamente la Q50 2.2D turbodiesel biturbo di origine Mercedes

Diesel o ibrida?

Due le motorizzazioni in listino. La preferita per il nostro mercato sarà indubbiamente la Q50 2.2D turbodiesel biturbo di origine Mercedes. 170 CV, 400 Nm di coppia massima tra i 1.600 ed i 2.800 giri il 2.143 cc tedesco emette sulla Q50 una media di 114 g/km di CO2 assicurando un consumo medio di carburante pari a 4.4 l/100 km con il cambio manuale a sei marce (4,8 l/100 km con automatico 7 rapporti). 8,5 secondi il dato dichiarato per l'accelerazione 0-100 km/h (sia AT che MT) e 230 km/h la velocità massima.

infiniti q50 (28)
Il design della Q50 è una scommessa, viste le sue forme in molti casi ardite ed anticonvenzionali

 

Per chi preferisse il benzina Infiniti propone la Q50 Hybrid da 364 CV. Accreditata come la ibrida in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in minor tempo sul mercato (5,1 secondi) la berlina nipponica vanta 364 CV di potenza massima sprigionati dalla combinazione tra il motore elettrico ed il 3.5 litri V6 posizionato anteriormente. Abbinato ad un cambio a sette marce il powertrain della Q50 Hybrid può essere abbinato esclusivamente al cambio automatico a sette marce ed, in alternativa alla posteriore, ad una trazione integrale intelligente. I consumi in questo caso parlano di 6,2 l/100 km per la 2WD e di 6,8 l/100 km per la 4WD con livelli di emissione di CO2 pari rispettivamente a 144 e 159 g/km.

Gli allestimenti

Tre gli allestimenti per la motorizzazione diesel: Q50 (36.100 euro), Q50 Premium (39.075) e Q50 Sport (43.290). Per quanto concerne la ibrida, invece, l'unico allestimento disponibile è il Q50S Hybrid (54.495). In opzione sulla diesel il cambio automatico (2.210 euro), lo sterzo elettronico DAS (1.010 euro solo da Premium in sù), il Safety Shield con cruise control attivo e sistemi anticollisione. Dagli allestimenti Premium in sù (vale anche per Q50S Hybrid) sono disponibili anche il Visibility Pack (fari attivi, visione esterna 360°, 1.310 euro) mentre per tutte è opzionale il Comfort Pack (605 euro), che comprende i tergicristalli con sensore pioggia, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori con display ed il climatizzatore attivo bi-zona con ricircolo automatico e filtri ai polifenoli.

infiniti q50 (27)
Il bagagliaio ha una capacità di 500 litri

 

Dal vivo: com'è fuori

La nuova Q50 è il primo prodotto di un nuovo corso stilistico proposto a livello concettale nel prototipo Essence. Uno stile indubbiamente ricercato, che mira a farsi ricordare attraverso una calandra dalle forme molto personali ed uno sguardo particolarmente moderno, che si differenzia in modo sostanziale da quanto proposto dai competitor tedeschi. La strada intrapresa è interessante, indubbiamente ben realizzata sotto il profilo costruttivo, ma per arrivare all'obiettivo di essere immediatamente identificati dalla gente come Infiniti la strada è ancora lunga e necessita di un forte collegamento stilistico tra un modello e l'altro, cosa che peraltro accadrà con il lancio della Q30 e - si spera - dei futuri modelli.

Gli interni della Q50 sono moderni ed attuali nello stile, sono realizzati con precisione e buoni materiali e vantano una forte propensione alla tecnologia ed alla modernità

Dal vivo: com'è dentro

Gli interni della Q50 sono moderni ed attuali nello stile, sono realizzati con precisione e buoni materiali e vantano una forte propensione alla tecnologia ed alla modernità ma non solamente per la presenza dei due generosi display a centro plancia: per modernità intendiamo anche l'ergonomia, la facilità d'uso dei comandi, la semplicità di lettura della strumentazione e la dotazione di tasti sul volante, che senza esagerare offre solo quel che serve. Molto intriganti anche i paddles del cambio sul volante: sono un gadget utile più che altro per la ibrida da 368 CV.

infiniti q50
La console è dominata da due display di grandi dimensioni sovrapposti

 

Un contesto moderno, insomma, in cui stonano la presenza del freno di stazionamento all'americana (a pedale) ed il posizionamento della porta USB sotto al mobiletto centrale tra i sedili, ma che si fa notare anche per la comodità dei sedili e per la facilità e la naturalezza con cui ci si ritaglia il proprio posto guida su misura.

 

Lo spazio a bordo è sufficiente per quattro occupanti ma chi siede dietro, nonostante l'abbondanza di spazio per le gambe, ha sempre l'impressione di una seduta un po' troppo alta, alla quale si somma un tetto particolarmente spiovente, quasi da coupé, che limita un po' lo spazio per la testa. Stessa sensazione per chi siede al centro, con le aggravanti dello strapuntino rialzato e dell'ingombro del tunnel sotto al quale passa l'albero di trasmissione limitando, per forza di cose, lo spazio per gambe e piedi. Buono il bagagliaio: la Q50 vanta 500 litri che possono essere progressivamente ampliati (optional) modalità 60/40. Lo sviluppo è regolare e l'altezza della soglia di carico relativamente contenuta.

infiniti q50 (10)
Lo sterzo DAS si è rivelato una piacevolissima sorpresa durante la guida

Su strada: come va

Una volta a bordo della Q50 si nota immediatamente che l'inclinazione e lo spessore dei montanti non sono proprio pensati per rendere la vita facile in termini di visibilità. Fortunatamente i pacchetti di assistenza alla guida, in particolar modo quelli che monitorano la presenza di vetture nei dintorni, funzionano benissimo non solo in manovra ed a meno che non si scelgano le versioni meno accessoriate si può dire che la Q50 (soprattutto se dotata di sterzo elettronico) sia una vettura piuttosto semplice da guidare anche in città.

 

Il forte della berlina Infiniti, però, viene fuoriporta dove si possono apprezzare il buon lavoro delle sospensioni (la vettura rolla poco ma assorbe le asperità) ma soprattutto la piacevolezza nella risposta offerta dallo sterzo elettronico che filtra tutte le asperità stradali restituendo al guidatore un comando molto pulito ma allo stesso tempo preciso e tutt'altro che fasullo: meglio di molti altri sterzi meccanici servoassistiti, infatti, il sistema messo a punto da Infiniti è in grado di trasferire a chi guida tutte le "informazioni" che servono per la guida della vettura limitandosi a filtrare tutto quello che non serve, come cambi d'asfalto, buche ed altre asperità che inutili ai fini della guida.

La nuova Q50 rappresenta una vera svolta nel modo di fare e di proporre automobili da parte di Infiniti

 

Un sistema che dimostra di essere a punto sin dai primi metri e che dimostra, nella modalità sport, di essere anche in grado di offrire risposte sportive senza dimenticare un occhio di riguardo per il confort: i tornanti si percorrono con mezzo giro di volante e lo slalom tra i birilli può essere completato con movimenti davvero minimi delle braccia. Oltre allo sterzo , la Q50 diesel offre un motore decisamente in forma ed in grado di assicurare un buon livello di performance alla berlina nipponica.

infiniti q50 (16)
La Q50 è progettata per offrire massimo confort agli occupanti

 

Il sound, se non tra i 2.000 ed i 2.400 giri dove anche sulle Mercedes si fa sentire in modo leggermente più evidente, è molto pacato e soprattutto se combinato al cambio automatico a sette marce il quadricilindrico tedesco può rappresentare davvero un elemento interessante nella scelta di questa vettura. Oltre alle buone prestazioni - gli 8,5 s sullo 0-100 km/h appaiono veritieri - anche i consumi alla fine dei nostri 200 km di percorso si sono rivelati molto contenuti con una media di 6 l/100 km.

In conclusione

La nuova Q50 rappresenta una vera svolta nel modo di fare e di proporre automobili da parte di Infiniti: se fino a ieri queste vetture venivano apprezzate in particolar modo dai mercati come statunitensi ed asiatici, con la Q50 l'approccio è decisamente più europeo ed è probabile che in abbinamento alla motorizzazione 2.2D la nuova berlina possa assicurare qualche soddisfazione in più ai vertici europei della Casa nipponica.

Pro

- Sterzo elettronico

- Motore diesel Mercedes
- Interni moderni e funzionali
- Comfort di bordo

Contro

- Linea: è una scommessa

- Visibilità: dietro si vede poco
- La tecnologia è opzionale e costa cara

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Infiniti Q50
Modelli top Infiniti
Maggiori info
Infiniti