#AMboxing

Renault Captur | A proprio agio nel traffico... noi invece... [Video]

-

Maneggevole e comodo Renault Captur, SUV cittadino che ben si adatta alla guida quotidiana in città. Potente, confortevole, tutto da scoprire

Intro

E' un SUV da città che dal 2013 calca anche le nostre strade italiane con un buon successo, e che proviamo oggi nel restyling del design 2017 che prevede, tra gli altri, una nuova calandra e fari full LED. La versione è come sempre quella più ricca: Initiale Paris anche su questa Renault Captur.

Esterni

Ti ca(p)turano fin dalla prima occhiata. Le linee sono sinuose, l'altezza da terra più che sufficiente per togliersi qualche minimo sfizio sulle strade bianche, l'anteriore tutto da ammirare e il posteriore ammiccante senza ghirigori sfarzosi. Con la doppia colorazione del tetto, bianco nel nostro caso e alternato al resto della carrozzeria viola melanzana, Renault Captur fa un gran bell'effetto. Davanti i fari full led con le frecce a rincorsa donano eleganza e sobrietà a un comparto nobilitato dall'emblema centrale di Renault che non è certamente pacchiano. Già al primo sguardo si notano gli ampi montanti anteriori e posteriori. Va detto che in fase di marcia un minimo limite nella visibilità c'è, ma nulla di così preoccupante una volta che avremo preso la mano. L'ingresso è come sempre keyless, da 17 pollici i cerchi, il bagagliaio rivela un meccanismo per spostare in un unico movimento il divano posteriore e aumentare o diminuire a seconda delle esigenze il bagagliaio che parte in termini di capacità da oltre 350 litri per sfondare di molto quota mille a sedili posteriori abbattuti. Apertura manuale, cromature sul paraurti a donare ulteriore eleganza a un'idea di insieme certamente non da bocciare, anche se con il progetto torniamo indietro di qualche anno. Le premesse, già nel 2013, erano ottime... chissà cosa ci riserverà il futuro?

Interni

La nostra Initiale Paris si regala sedili in pelle, e in generale tutta la dotazione disponibile pensata per questa Renault Captur. C'è di tutto di più, ma forse in alcuni materiali si scade un po'. Parliamo soprattutto della percezione legata a certe plastiche, che si perdono però in un mix armonioso dal punto di vista dei colori. La strumentazione è del tutto classica, così come la palpebra cromata che circonda tachimetro e contagiri, con il tunnel pronunciato più che ampio che lede un minimo la comodità dei driver più abbondanti. Il display centrale dell'infotainment è inserito su un supporto di plastica nera che esce in termini di profondità rispetto al resto della plancia. I comandi sono divisi tra il touchscreen dell'infotainment, non precisissimo in termini di pairing con alcuni smartphone - puntate sulla compatibilità con Android Auto, e le razze del volante, dove è diviso come su tanti altri modelli l'interfaccia con il cruise control non adattivo. Dietro lo spazio c'è per due persone, ma dobbiamo ricordarci che la larghezza è di un metro e 77, quindi due spallati davanti avranno una certa difficoltà. La lunghezza è di quattro metri e 12 centimetri, l'altezza di uno e 57.

Motori

A disposizione abbiamo il propulsore Renault da 1.5 litri diesel che tanto bene ormai abbiamo imparato a conoscere grazie a test drive precedenti. I cavalli disponibili sono 110, la coppia massima di 260 Nm a 1750 giri, ed è proprio questa che Captur fa fatica a scaricare sull'asfalto. A volte il nostro piccolo SUV sembra troppo potente, tanto da slittare in partenza e anche nel cambio prima-seconda. La guida che ne sorge è certamente divertente, anche perché la tenuta è in linea con il design della vettura, e i consumi suggeriscono lunghe percorrenze. Di contro, Renault Captur è abbastanza rumorosa, con il diesel che entra nell'abitacolo già a 2.000 giri. La frenata di emergenza richiede spazi di arresto nella media, l'accelerazione 0-100 ferma il crono sugli 11 secondi, e la velocità massima raggiunta è di 175 chilometri orari. Lo start and stop c'è e funziona, e indubbiamente contribuisce a consumi di tutto rispetto: percorriamo 13-14 chilometri con un litro di gasolio in città, 19 a limite autostradale, 24 quando viaggiamo in maniera uniforme intorno ai 110 orari.

Sensazioni di guida (cambio frizione sterzo)

Con un motore così brioso, disegnare traiettorie sulle strade di montagna o semplicemente gettarsi fuori porta per una bella gita è l'ideale con questa Renault Captur. Che ovviamente rimane maneggevole anche in città, il suo habitat naturale, con le sospensioni che ben assorbono le asperità dell'asfalto, buchi, pavè, dossi compresi. Il volante ha un diametro forse esagerato ma si impugna bene, il cambio si declina in un'unità manuale a sei rapporti con una frizione che non è certo pesante. Non ci sono impuntamenti, e semmai più che l'elasticità non ci convince del tutto l'allungo di Renault Captur.

Sistemi sicurezza attivi e altri optional

Frenata di emergenza, protezione dell'angolo cieco sono di serie sulla nostra Initiale Paris. Il cruise control non è adattivo, ma ci sono tanti altri optional da ricordare: il climatizzatore automatico che non ci tradisce mai, il sistema infotainment completo anche se mostra qualche pecca e qualche segno del tempo, il parcheggio automatico in parallelo, perpendicolare e obliquo. La retrocamera è ben definita ma se la luce solare sbatte direttamente sul display abbiamo qualche minimo problema di visibilità.

Target, prezzi e conclusioni

Si parte da 16.000 euro e nella nostra versione Initiale Paris si sfonda quota 27.000. Forse sarebbe da preferire qualche rinuncia a fronte di un prezzo più basso, rispetto a una vettura con molti optional ma che decolla così tanto con il prezzo. Tuttavia, Renault Captur si fa ammirare da fuori anche se è dentro che andrebbe rivista in maniera più contemporanea. Nulla di trascendentale o particolarmente negativo, ovviamente, ma gli anni iniziano a sentirsi...

Pregi e difetti

  • + Design esterno + Potenza del motore
  • - Prezzo (nella versione Initiale Paris) - Infotainment

Scheda

Motore In prova
Cilindrata: 1.5 diesel
Numero cilindri: 4 in linea
Potenza: 110 cavalli
Coppia: 260 Nm a 1750 giri
Cambio: manuale a 6 rapporti
Trazione: anteriore
Consumo km/litro: 13-14 in città, 19 a 130, 24 a 110
Emissioni CO2 per km: 98 grammi

Prestazioni:
Velocità Massima: 175 chilometri orari
0-100: 11 secondi

Misure:
Lunghezza/Larghezza/Altezza in cm: 412/177/157
Passo: 261 centimetri
Bagagliaio: 350-1400 litri
Pneumatici: 17 pollici
Peso: 1265 chilogrammi

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Renault Captur
Modelli top Renault
Maggiori info
Renault