interviste

Formentòr è “solo Cupra” per far capire che Cupra sarà anche molto altro

-

Il Crossover sportivo spagnolo, primo modello 100% Cupra e non condiviso, apre a un nuovo filone di vetture e attività per la giovane Casa imparentata con Seat. Ne parliamo con Antonino Labate e Pierantonio Vianello, responsabili del brand in ascesa “approvata e sostenuta” dal colosso tedesco dell’auto

È da poco partita in Spagna la produzione del nuovo Formentor (con l’accento sulla “or” finale). In consegna con l’autunno sarà anche personalissimo, ben guidabile, ibrido con 245CV, crossover e non SUV, poi la sensazione materica, eccetera.. Ma siamo sicuri di conoscere bene le prospettive di quello che è un giovanissimo marchio automobilistico come Cupra, in questo difficile momento storico? Cosa offrirà di particolare che già non sappiano offrire altri?

Abbiamo parlato di Formentor e non solo con due referenti massimi, per la Casa: Antonino Labate, direttore Strategy, Business Development & Operations a livello globale e Pierantonio Vianello, direttore del marchio per l’Italia. Cupra è in un momento di reale e tangibile crescita, gli investimenti alle spalle da parte della capogruppo VW (che ha approvato per Cupra un piano industriale miliardario) daranno sia visibilità sia carattere, a un nome che ancora molti non sanno legare a prodotti e sensazioni concrete. Giustamente, vista la gioventù assoluta con pochi modelli caratterizzanti. Formentor è il primo prodotto tutto Cupra, nativo spagnolo senza un fratello (spesso quasi gemello) come hanno invece molte vetture nel mare del grande gruppo tedesco, cui fanno capo anche Seat e Cupra stessa.

La prima attesa Cupra elettrica, el-Born: specie da chi ha già provato la cugina ID.3 e ama guidare
La prima attesa Cupra elettrica, el-Born: specie da chi ha già provato la cugina ID.3 e "ama guidare"

Quanto è davvero importante questo modello per Cupra, per Seat e per il Gruppo? In prospettiva, come vedremo evolvere la gamma del marchio? “E’ un gran giorno per tutti i membri di Cupra, inizia la produzione del primo modello completamente nostro, fatto solo a Martorell – spiega Labate subito dopo l’uscita dei primi esemplari definitivi dagli stabilimenti - soddisfazione quindi, perché ci crediamo. Un modello importante che permette di entrare nel segmento dei CUV. Se nel 2008 valeva circa 100mila auto, nel 2028 il peso sarà di 500mila. Con Formentor siamo nel segmento con maggiore sviluppo. Formentor è la chiave del progetto di globalizzazione per Cupra. Nuovi mercati che si aprono e poi, è anche il primo con questa elettrificazione (2 varianti PHEV, ndr). Quando è nata nel 2018 Cupra è subito stata l’altra faccia di una moneta. Completa Seat company e ha proprio target di clientela. Seguiamo una diversa strategia, compatibile e appoggiata dal gruppo. Wayne Griffiths come nuovo presidente è conferma della bontà di questa strategia in corso”.

Una strategia che porterà in breve nuovi modelli, tra cui un elettrico. Intanto attendiamo di provare Formentor, che è davvero veicolo inedito, a differenza dei primi mezzi Cupra lanciati. Non essendo derivato da modelli di Case interne al gruppo, con impronta base già definita, quali rivali o riferimenti avete considerato? “Formentor, come Cupra, occupa uno spazio che è tra quello dei modelli di massa e parte dei modelli premium classici. Tra i molti a cui interessa essere in questa fascia, noi ci distingueremo per l’interpretazione della performance. Di certo, quale riferimento possiamo citare modelli come BMW X2, Mercedes GLA o Jaguar E-Pace”.

Target elevato quindi, come elevato è l’impatto di Formentor al debutto, basta vederlo dal vivo. Sotto al grintoso vestito, quali motorizzazioni si attendono più interessanti e per quali mercati? “Sarà commercializzato con sette diverse motorizzazioni, termiche (da 1.5 a 2.0) ma anche due ibride Plugin. Ci attendiamo conferma di presenza in alcuni mercati europei, come Germania, Svizzera e Austria dove siamo già forti. Contiamo di emergere ora anche in Italia, in Francia e nella stessa Spagna. Con la versione elettrificata da 180kW, puntiamo ad arrivare nei mercati nordici: come Svezia, Norvegia, l’Olanda. Il diesel invece, ha un suo appeal per uso nelle flotte”.

Antonino Labate manager Cupra negli headquarter spagnoli
Antonino Labate manager Cupra negli headquarter spagnoli

Quanto pesa e come prospettate il legame con il mondo VW, per un marchio fresco, estremo e personale come Cupra. Vorreste cambiare la percezione tipica del travaso di tecnologia che si ha per i marchi non tedeschi nel gruppo? “Essere parte del gruppo VW è rilevante, un vantaggio. Quello di poter scegliere quale tecnologia prendere nelle molte disponibilità. È un valore aggiunto. Cupra cerca di dar valore della propria marca nei suoi prodotti pur partendo da piattaforma VAG. Formentor è primo esempio forte, a fine 2021 arriva el-Born 100% EV ma sempre distinguendosi fortemente”.

Quale ruolo per il Motorsport? Un ambito mirato per alcune formule, o potenzialmente aperti a tutto? “Nel DNA Cupra c’è il racing, è una vera strategia che non abbandoniamo mai. Lo sviluppo della E-Racer (elettrica) nasce proprio in Cupra per un nuovo filone di gare. Da Martorell la nostra tecnologia andrà verso team anche esterni al marchio. L’ultima nata è la Leon Competiciòn, nel mondo TCR che noi stessi abbiamo voluto sviluppare. Da poco vantiamo anche la collaborazione con ABT per essere tra i primissimi anche nell’innovativa Extreme E (veicoli elettrici per competizioni off-road). Siamo molto concentrati sulle competizioni elettrificate, per toccare gli ambiti di gara con tecnologia più contemporanea e non classica”.

Farete spesso serie speciali come usano certi piccoli brand di auto sportive (vedi Abarth, ma non solo) legate a marchi extra settore o magari team riferibili al mondo spagnolo? (tra i testimonial Cupra ci sono gli uomini del Barcelona FC, ndr). “Serie limitate ce ne potranno essere, ma non frequenti e non dedicate a squadre o marchi extra-settore. Cupra è fatta da elementi certi, si associa a valori autentici del proprio DNA e territorio, sono costanti. Abbiamo e avremo invece ambasciatori attivi, non altro sulle vetture”.

Persone di impatto giovanile e sportivo, legate alle tendenze gradite al target dinamico di clientela Cupra. “Uno slogan come 'People fast' è rilevante per noi. Cupra si differenzia da altre Case anche per le relazioni tra marca e clienti. Una specie di valore tribe, che svilupperemo con attività coinvolgenti”.

Il Formentòr, un mezzo 100% Cupra senza parenti con analogo DNA in tutto il grande gruppo di riferimento
Il Formentòr, un mezzo 100% Cupra senza parenti con analogo DNA in tutto il grande gruppo di riferimento

Cupra in Italia

Possiamo solo immaginarle ma le attendiamo per il 2021, poiché devono ancora essere svelate. “Cupra vuole essere un mondo esperienziale, non solo auto in senso stretto. Modelli da usare ogni giorno ma anche non di serie, che corrono in gara. Con qualche sorpresa per il tempo libero che produca emozioni ai nostri clienti. Sempre in chiave contemporanea. Lo rifletteremo sempre nei materiali e nelle tecnologie che scegliamo”.

La nuova rete ufficiale Cupra sul territorio, sarà identificata come parte dealer Seat piuttosto che altri marchi, o idealmente sola? Uniforme a livello internazionale? “La selezione e lo sviluppo per il network dealer Cupra sono già avviati. Sono ora 520 nel mondo, alcune con forti legami altre in via di sviluppo. Mi piace citare le nuove sedi Cupra Garage a Città del Messico, Amburgo e anche in Italia ovviamente”.

Il focus sul mercato nostrano lo fa Vianello, che ha coccolato il suo nuovo gioiellino giunto dalla Spagna, Cupra, pensando molto all’aspetto di esperienza per la clientela. Una rete tricolore ben identificata, ma non solo. “Dal 1 novembre 2020 si ha un vero contratto diviso, la concessione Cupra è dedicata, indipendente da quella di altri marchi del gruppo. Aspetto fisico ma anche formazione del personale, molto mirata. Il cosiddetto Cupra Master è il personaggio in concessionaria. Non banale venditore, come pensano ancora molti. La nuova rete sul territorio poi, usa un programma gestionale su piattaforma tutta sviluppata da noi in Italia. Abbiamo personale che si può dire avvezzo per davvero ai sistemi moderni. Con Cupra si è ripresa subito la formazione fatta direttamente, non più solo webinar in modo distaccato. Già durante il lockdown lo staff era in casa ma unito, per digitalizzare la rete Cupra dalla nascita. Molti nuovi venditori sono già stati a Barcellona presso Casa Madre, per lavorare e confrontarsi".

Ecco un aspetto non da poco, il personale del marchio. “Le persone da noi sono elemento chiave, ma cerchiamo di svilupparle senza costi per la concessionaria - spiega un appassionato Vianello – i nostri uomini sono contattabili a qualunque ora, con gli strumenti digitali”. Una cosa impensabile, sino a poco tempo addietro: riescono a vendere le auto con WhatsApp business.

Pierantonio Vianello capo del brand Cupra in Italia
Pierantonio Vianello capo del brand Cupra in Italia

“Esattamente, solo la consegna fisica è in presenza. Abbiamo un’età media venditore di 37 anni, allineata con il target Cupra. Se i venditori di un tempo si legavano al marchio, quello giovane di oggi si lega alla capacità di poter crescere professionalmente – ricorda con orgoglio Vianello - con noi vogliono esserci, perche vedono di poterlo fare”.

Ecco, il target. Sappiamo che già Seat ha clientela con età media inferiore su molti segmenti e Cupra potrà accattivare simpatie tra automobilisti davvero giovani, con questa impronta sportivissima e il feeling “tribe” in via di sviluppo. Conta anche la capacità di spesa però: al giorno d’oggi non tutti i giovani possono spendere i 46K circa, di listino, del pur dotatissimo e prestante Formentor VZ Launch da 310 CV integrale. “Certo, questo è un modello speciale per il lancio, un vero missile che spero possiate presto provare scoprendo come si guida con piacere. L’accesso gamma Formentor però, costerà molto meno sul mercato 2021 (non ci è dato sapere quanto ora). In ogni caso da subito, il noleggio che offriamo con 469 euro al mese e meno di 7.000 euro di anticipo, ha un canone accessibile per questo livello di vettura con tutto incluso”.

Una formula chiara, non ci sono maxi rate o variazioni, magari inattese. Per un modello che è in allestimento molto ricco. “Cerchiamo davvero una democratizzazione per i nostri prodotti. E non si parla di contraddizione. Se il posizionamento è da mass market, ma le caratteristiche da modello quasi premium”. Infatti l’effetto Cupra è bello intenso, qualcuno non se lo spiegherebbe.. “Nessun dubbio, semplicemente Cupra prende il meglio del gruppo, in forte sinergia per sfruttare al massimo vantaggi anche economici”.

Gli interni di un'auto Cupra sono connotati da forte tecnologia e impatto material molto personale
Gli interni di un'auto Cupra sono connotati da forte tecnologia e impatto "material" molto personale

Che dire, buon lavoro a tutto lo staff del mondo Cupra che spinge qualcosa d’innovativo nel settore auto in momenti non facili. A dare vigore, sempre elettrico, anche il nuovo Cupra Tavascan, SUV coupé su piattaforma MEB da poco confermato nell’industrializzazione.

Con queste premesse di espansione gamma e attività non classiche, per un nuovo brand, in approvazione e finanziamento da parte del colosso tedesco (altri marchi temono di sparire, qualora in mano a un grande gruppo)... Chi apprezza il taglio dinamico e moderno alla spagnola di Cupra, può ben sperare di essere soddisfatto nei prossimi anni. Auto elettrificate o 100% elettriche sì, ma sensazioni tutt'altro che omologhe al resto o noiose.

Cupra da corsa, ce ne saranno sempre
Cupra da corsa, ce ne saranno sempre

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Cupra Formentor
  • Formentòr è “solo Cupra” per far capire che Cupra sarà anche molto altro interviste 2 ott 2020

    Formentòr è “solo Cupra” per far capire che Cupra sarà anche molto altro

    di Omar Fumagalli
    News | Il Crossover sportivo spagnolo, primo modello 100% Cupra e non condiviso, apre a un nuovo filone di vetture e attività per la giovane Casa imparentata con Seat. Ne parliamo con Antonino Labate e Pierantonio Vianello, responsabili del brand in ascesa “approvata e sostenuta” dal colosso tedesco dell’auto
Maggiori info
Cupra