Rendering Fiat EV

Nuove Citycar FCA, Fiat: dopo la “vecchia” 500 BEV che ha il vestito firmato ma di 13 anni, la nuova 126 EV che sbaraglia la concorrenza?

-

Pronta ad affiancare con listino prezzi da post-Covid la nuova Fiat 500 elettrica, che sembra la stessa auto dal 2007 e costa cara, tra due anni ci sarà la grossa novità Fiat per gli EV da città? Potrebbe spopolare più di Centoventi, e (Honda) e Smart

Tutti attendono di provare la nuova Fiat 500 elettrica del 2020, quella che abbiamo visto a Milano ma di cui non ci si è potuti occupare bene, per colpa della pandemia. Quella che verosimilmente in autunno potremo trovare sulle strade italiane ma per cui attendiamo di sapere il vero costo netto. Già perché se si pensa alla situazione, al ridimensionamento globale e a certi “scontoni” mai visti che il gruppo FCA sta mettendo per le sue auto termiche, tutte (41%)… Non basta quell’idea data solo pochi mesi fa: 37mila euro circa al lancio, poi ci saranno i modelli base, gli incentivi e la possibile nuova super-rottamazione, con tutte le variabili di aiuto che i governi potranno dare al settore auto, in ginocchio. Difficile dire, quanto realmente appetibile. Per certo non popolare.

Come per certo quello che si può dire ora è che da fuori, grossolanamente, la nuova 500 elettrica del 2020 appare una derivazione della arcinota 500 nata nel 2007 (serie 150). Dettagli pesanti poi da vicino, certo e anche tanti, quelli che la qualificano come auto “nuova” sotto lo stesso stile. Ma già che abbiamo il pianale e una fila di appassionati rinchiusi in casa da mesi, a fantasticare…. Ecco la fantasia possibile. Rinverdire il mezzo che fu erede della vecchia 500 ai tempi: Fiat 126. Un veicolo simbolo degli anni Settanta in Italia eppure poco apprezzato dalle memorie, anche di chi è over40. Merita una seconda elettrizzante vita?

Auto piccola e modesta nell’apparire, senza l’impronta modaiola della 500 che però ha fatto volumi (e soldi per la Casa) al tempo, anche all’estero durando molto, specie in Polonia, dove veniva anche costruita. La 126 è oggi molto facile da rendere simpatica, con rivisitazione in chiave EV low-cost. Non è precisamente quella che si vede in foto gallery, un semplice render privato, ma si basa su una sostanza logica: tanto la 126 era una nuova Fiat da città che riciclava senza troppo dispendio risorse un sacco di elementi della 500 (come il motore bicilindrico messo dietro) tanto la nuova 126 EV potrebbe fare nel 2022 con 500 BEV (perchè la 500e, sarebbe anche quella per gli USA, fuori produzione e ancor più fuori target)

Che poi la 126, come 500, è nata già senza feritoie per un radiatore nel frontale (il termico era raffreddato ad aria) e con la trazione posteriore, come piacerebbe a noi, potendo. Opposto invece il taglio stilistico, che mette sull'erede dolci spigoli al posto di tratti curvi.

Niente firme, è democratica

500 nelle intenzioni FCA è per Fiat un top di gamma, inteso a livello di percezione e immagine costruite nei decenni. Quindi quasi un “marchio” a se, con 500L e 500X. Seguendo tale impronta, non si potrà raschiare il fondo per dare l’auto elettrica di massa low-cost e democratizzare gli EV tricolori per tutti, anche contando gli incentivi. Non a caso la presentazione della 500 EV 2020 contava esemplari super-firmati (Armani, Bulgari o Kartell) e dotati, non il mezzo per gli italiani impoveriti del post-covid.

Fiat 126 EV potrebbe raccogliere l’eredità citycar Fiat di un tempo a pieno, divenendo modello base che non scalfisce il pregio di 500. Il potenziale da sfruttare al massimo potrebbe esserci, anche se non con i mega numeri da economia di scala che cita il gruppo VW, con il suo pianale MEB (uno per molte applicazioni globali, come fu per Maggiolino).

La fantasia è anche ipotesi ora, ma passa da decisioni di FCA con PSA, a sua volta intenzionata magari a piazzare nuove piccole C1 e 108 elettriche con spazio adeguato nel mercato. Se fossero complementari, i target PSA con nuovi modelli Fiat di medesimo pianale, potrebbero convivere. Ma a noi italiani il dubbio non si pone nemmeno: la 126 elettrica sarebbe top-seller qualora messa a listino intorno ai 20mila euro invece che i 30mila della 500 e con un range almeno oltre i 250Km. Possibile, contando batteria e propulsione corrette rispetto a quanto promesso sulla 500 2020 BEV: 118CV e 320 Km WLPT;, forse anche troppo per la società forzatamente urbana dell'immediato post-Covid.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Fiat 126
Modelli top Fiat
Maggiori info
Fiat
  • Fiat Automobiles S.p.A. Corso Giovani Agnelli, 200
    10135 Torino (TO) - Italia
    800 342 800   http://www.fiat.com