prove

BMW X4 2018. Veste sportiva con un carattere docile e confortevole [Video]

-

BMW X4 torna dopo 200 mila unità vendute in tutto il mondo e si rinnova fuori e dentro per offrire una dinamica grintosa, accompagnata da un carattere proprio di una GT

Dalla piattaforma CLAR arriva anche la sorella più sportiva della X3, il SUV medio di BMW. La X4 infatti presenta linee molto più vicine alla X6 ed è 6 cm più bassa della X3, mentre rimangono invariate lunghezza e altezza, ferme a 4,75 e 1,92. Si tratta di una proposta per i clienti di un segmento che è nato negli ultimi anni e nel quale BMW si è lanciata fin da subito. Il mercato americano sarà trainante per le vendite, ma anche in Europa le vendite del precedente modello fanno ben presagire per questa seconda generazione. A bordo c’è di serie la trazione integrale XDrive, anche se non sono presenti differenziali che consentano di avventurarsi negli sterrati estremi e l’assetto M Sport, assieme al variable sport steering e performance control.

Frontale da X3, ma il resto...
Frontale da X3, ma il resto...

Dal vivo: com’è fuori

Filante e composta la X4 riprende gli stilemi introdotti dalle ultime generazioni di vetture della casa bavarese. La novità la troviamo al posteriore, dove i gruppi ottici a LED presentano una morfologia nuova, che solca la carrozzeria in senso longitudinale. Sotto al cofano ci sono  I motori abbinati alla trazione integrale e a un cambio automatico a 8 rapporti. Il più accessibile fra i diesel si trova sotto il cofano della xDrive20d (4 cilindri 2 litri, con 190 CV di potenza e 400 Nm di coppia massima), seguito dalla versione con turbo multistadio, che sviluppa 231 CV e 500 NM di coppia (xDrive25d). Ci sono poi, sempre a gasolio, le 3.0 a sei cilindri xDrive30d e M40d (rispettivamente, con 265 e 326 CV), mentre a benzina si va dalla xDrive20i alla xDrive30i (entrambe 4 cilindri 2 litri, con 184 e 252 CV rispettivamente), per arrivare poderosa xDriveM40i (354 CV).

Dinamica, sincera e mai scomposta
Dinamica, sincera e mai scomposta

Dal vivo: com’è dentro

Molto spazio anche per i più alti, l’abitacolo è ben organizzato e lascia spazio a 5 occupanti, anche se chi siede al centro non sarà comodissimi. Colpiscono come di consueto la cura per i materiali e gli assemblaggi. La qualità dell’ambiente che si percepisce è davvero molto alta e anche al tatto c’è un buon feedback. Molto chiara la strumentazione, disposta con logica ed ergonomia, così come i display, molto semplici da leggere e con tutte le informazioni utili sempre presenti. Il monitor centrale da 10,5” presenta anche la possibilità di integrare i comandi gestuali. Per la guida, di per sé semplice e intuitiva, c’è Il Driving Assistant Plus fornisce i sistemi di assistenza come cruise contro adattivo, lo  Steering e Lane control assistant, il Lane Keeping Assistant e il Crossing traffic warning. Nuovi anche i sedili, che supportano molto bene il corpo e possono essere regolati per mettere a proprio agio anche i più alti. 

Dal vivo: come si guida

Comfort dinamico. Con questa locuzione è possibile sintetizzare al meglio cosa rappresenta BMW X4. Il carattere sportivo, infatti, non manca, grazie a una tecnica molto raffinata, come la distribuzione del peso (ridotto di 50 kg rispetto alla precedente generazione) 50:50, la ripartizione della coppia 60:40 e le sospensioni a controllo elettronico. L’esperienza sportiva però deve essere interpretata in maniera diversa dal solito. Essendo seduti più in alto e con un baricentro che si trova qualche cm sopra quello di una Serie 4 Gran Cuopé, per fare un confronto, bisogna stare attenti a non esagerare, visto che le masse in gioco sono comunque importanti. Il variable sport steering in modalità sportiva aiuta molto, adattando la geometria della cremagliera e dandovi una risposta più diretta tra gli 0 e i 40 gradi di angolo. Anche il cambio diventa più affilato, ma non entra mai con cattiveria e anche quando richiamate le marce è quasi impossibile rendersene conto. Siamo quindi di fronte a una dinamica vivace ma sempre controllabile, lontana dalle sensazioni che derivano guidando coupé più “piazzate” ma comunque soddisfacenti. Le credenziali della X4, a nostro avviso, si avvicinano di più a quelle di una GT. L’abitacolo è ampio e ben organizzato in termini di spazio per gli occupanti e il trattamento dei cristalli anteriore rendo tutto molto ovattato. 

È riuscita invece a entusiasmarci sul flat track di Misano dove abbiamo davvero saggiato quanto di buono ci sia sotto la carrozzeria. Con il DTC completamente disinserito e su un fondo a bassa aderenza (al pari di una strada innevata), ci si rende conto dell’ottimo lavoro del ripartitore centrale, che gestisce la coppia in base al comportamento dell’auto, andando a recuperare sottosterzo e sovrasterzo. Nonostante ci sia da ‘giocherellare’ con il peso e correggere di continuo, la X4 non fa paura e mette sempre il conducente a proprio agio

L'anima da GT rimane al centro dell'esperienza
L'anima da GT rimane al centro dell'esperienza

In conclusione:

Si parte da 53,850 Euro, per il diesel da 190 CV, una scelta che dovrebbe soddisfare la maggior parte degli automobilisti. La X4 rappresenta una scelta più elegante e a suo agio nell’ambiente urbano, in termini di presenza, rispetto alla X3. Capace di coniugare prestazione e comfort di marcia. Il suo segmento continua ad affollarsi, ma lei è forte dell’esperienza BMW degli anni passati e se cercate uno sport utility dall’aria moderna e dinamica, la X4 potrebbe essere un’ottima candidata da tenere in considerazione. 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su BMW X4
Maggiori info
BMW
  • BMW Italia SpA Via dell'Unione Europea 1
    20097 San Donato Milanese (MI) - Italia
    02/51610111   http://www.bmw.it