corporate car sharing

AlphaCity: nasce il car sharing di BMW per le aziende. Che cos'è e come funziona

-

Nell'era della sharing economy dove tutto è sempre più condiviso arriva AplhaCity, il car sharing di BMW riservato alle aziende, che permette ai colleghi di lavoro di condividere auto premium nell'orario aziendale e nel tempo libero

AlphaCity: nasce il car sharing di BMW per le aziende. Che cos'è e come funziona

L'esplosione della sharing economy

Milano – Oggi possiamo dirlo senza timori: siamo entrati nell'era della “sharing economy”, che rimette in discussione il concetto di proprietà come status symbol e che ci porta nel mondo della condivisione. Oggi in fatti siamo disposti molto di più a condividere beni di cui un tempo eravamo i gelosi custodi come la macchina e persino la casa. 

 

Su Airbnb si possono trovare già oggi 300.000 abitazioni private offerte in condivisione, intato il fenomeno del car sharing dilaga, anche in Italia dove diversi operatori (car2go, Enjoy e Twist i più importanti) mettono a disposizione migliaia di vetture per noleggio a breve termine in città come Milano e Roma. E poi è arrivato Uber, il nuovo servizio di ridesharing che nonostante la valanga di proteste divampate in tutti gli Stati ha raccolto già più di 1 miliardo di dollari (sì, un miliardo!) di fatturato.

Arriva il Corporate Car Sharing

Visto il successo indiscutibile di queste iniziative, Alphabet, scoietà del Gruppo BMW leader nei servizi di mobilità aziendale, ha pensato di rivoluzionare il mondo delle flotte presentando il primo, almeno in Italia, servizio di Corporate Car Sharing (CCS), ovvero un car sharing non pubblico, come quelli che abbiamo visto sinora, ma esclusivamente riservato alle aziende. Il suo nome è AlphaCity e introduce un nuovo concetto di mobilità, grazie a cui i dipendenti avranno sempre a disposizione un’auto e impareranno a condividerla con i colleghi, non solo durante i classici orari di lavoro ma anche nel tempo libero.

alphacity car sharing bmw (8)
AlphaCity mette a disposizione dei colleghi di un'azienda auto premium da utilizzare anche nel tempo libero

Cos’è AlphaCity?

AlphaCity è un servizio di CarSharing per le aziende che vuole essere semplice e veloce. In breve ci si registra tramite piattaforma online (da computer o smartphone) per ricevere la propria Membership Card e poi si prenota il veicolo. Una volta a bordo, basterà inserire sul display il pin personale scelto in fase di prenotazione e premere il tasto start/stop per iniziare il viaggio. Il tutto senza bisogno di chiavi, in un innovativo sistema keyless, che finora non offre nessun altro operatore sul mercato.

I vantaggi

Questo sistema di Corporate Car Sharing permette una riduzione dei costi e un'ottimizzazione della flotta aziendale, ma anche di aumentare la soddisfazione dei collaboratori che potranno beneficiare sempre di una vettura per uso business o privato. AlpahaCity, già attivo e collaudato in 8 Paesi europei tra cui Francia, Germania e Regno Unito sarà disponibile su vetture premium BMW e Mini, che grazie al rapporto di reciproca esclusiva con il Gruppo BMW, solo Alphabet potrà proporre ai propri Clienti.

alphacity car sharing bmw (9)
Per iniziare a guidare non servono chiavi. Basta registrarsi, salire a bordo con la propria tessera e inserire il proprio pin

 

A breve il servizio sarà operativo anche per i modelli Mini Hatch e Mini 5 porte di nuova generazione, la nuovissima BMW Serie 2 Active Tourer e l’elettrica BMW i3. Proprio la “democratizzazione“ dell’auto aziendale, intesa come benefit in senso lato, rappresenta uno dei punti di forza di AlphaCity, che estende a tutti i collaboratori la possibilità di utilizzare vetture a marchio premium, non solo in ambito lavorativo.

Come funziona? Le chiavi non servono più!

L'azienda che decide di dotarsi di una o più vetture del programma AlphaCity stabilisce un canone annuale e la durata del contratto in base alle proprie esigenze, come farebbe per una qualsiasi auto con noleggio a lungo termine. La differenza però in questo caso è che il veicolo non verrà utilizzato esclusivamente da un singolo driver dell'azienda, ma potrà essere condiviso con tutti i colleghi registrati al servizio. Oltre ad utilizzare quest'auto durante le giornate lavorative poi, i dipendenti potranno guidarla anche nel tempo libero, la sera, o durante i weekend, pattuendo una tariffa con il proprio datore di lavoro. In questo modo l'azienda ammortizza in parte il costo del canone e riesce ad ottimizzare l'utilizzo dell'auto aziendale in condivisione, perché rimarrà ferma molto meno tempo rispetto ad un classico veicolo con noleggio a lungo termine.

Non occorre lanciarsi alla ricerca della chiave di accensione, ma basta avvicinarsi al veicolo e posizionare la card sul sensore collocato dietro al parabrezza

 

Le auto vengono parcheggiate direttamente nel parcheggio dell'azienda o nelle aree limitrofe qualora non si disponga di un luogo riservato. Ad ogni dipendente a cui si vuole dare la possibilità di disporre dell'auto in condivisione viene consegnata una card RFID che gli permetterà di registrarsi al sito e di prenotare un'auto AlphaCity quando disponibile (Un calendario mostra la disponibilità delle singole auto del parco nelle determinate fasce orarie). A questo punto non occorre lanciarsi alla ricerca della chiave di accensione, ma basta avvicinarsi al veicolo e posizionare la card sul sensore collocato dietro al parabrezza.

alphacity car sharing bmw (10)
Tutte le funzioni di AlphaCicty si gestiscono normalmente dal sistema ConnectedDrive

 

Saliti a bordo sarà sufficiente inserire nel sistema multimediale della vettura (il classico ConnectedDrive della BMW), perfettamente integrato con i servizi AlphaCity, il pin ricevuto in fase di prenotazione e premere il tasto di accensione Start. Per fare rifornimento sono presenti delle fuel card a bordo e il display dell'auto rivela il codice da utilizzare al momento del pagamento, mentre in caso ci sia bisogno di lavare l'auto o aggiustarla dopo un eventuale danno basta chiamare il servizio assistenza che si occuperà di prelevare l'auto e di ripristinarla nelle condizioni ottimale nel più breve tempo possibile.

 

Limiti? Sì, uno. Il sistema si basa sulla fiducia e sull'affidabilità reciproca dei colleghi. Quando si prenota un'auto bisogna anche indicare l'orario di restituzione al parcheggio aziendale. Se si ritarda o se c'è un qualsiasi imprevisto, il collega che ha prenotato il veicolo per la fascia oraria successiva alla restituzione si ritroverà senza auto e dovrà aspettarne il rientro in azienda. In ogni caso il servizio clienti è in grado di geolocalizzare il veicolo in questione e di comunicare la posizione a chi la stesse aspettando.  

alphacity car sharing bmw (5)
Anche le Mini fanno parte del programma AlphaCity

Un futureo roseo per il CCS

Come emerge dalla ricerca “Noleggio e CarSharing al centro dello sviluppo della Smart Mobility” condotta da Deloitte, il 90% dei Fleet Manager è interessato ad un’offerta di noleggio integrata con servizi di car sharing. Le previsioni sono incoraggianti: secondo un’indagine di Econometrica commissionata da Alphabet Italia, nei prossimi 12 mesi ci sarà un aumento dell’utilizzo del Corporate CarSharing del 25%. E sempre dall’Italia arriva un altro dato interessante sull’utilizzo del Corporate CarSharing per uso privato. Se la media europea è del 12%, la percentuale italiana è del 22%. Al netto dei “non saprei” il dato sale al 15% per l’Europa e al 29% per l’Italia (fonte: Survey Alphabet International).

AlphaCity oggi

AlphaCity è stato lanciato in Francia nel 2010 ed è attivo già in 8 Paesi, con 9.000 Membership Card e 4 milioni di km percorsi. Attualmente, 437 Clienti corporate ne stanno valutando l’acquisto. AlphaCity sarà presentato agli Amministratori Delegati, ai Fleet Manager e ai responsabili delle Risorse Umane il 10 settembre presso “Carlo e Camilla in Segheria”, ristorante del noto chef Carlo Cracco. Tra tutti i partecipanti all'incontro saranno sorteggiate due aziende che potranno provare gratuitamente AlphaCity per 6 mesi.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su BMW Serie 1
Maggiori info
BMW