intervista

Massimo Nalli: «Il DNA di Vitara è quello di sempre. Ma più moderno»

-

La nuova Vitara si è trasformata in un moderno crossover, ma il DNA è sempre lo stesso, come ci ha confessato Massimo Nalli, Direttore Generale Suzuki Automobili Italia

Massimo Nalli: «Il DNA di Vitara è quello di sempre. Ma più moderno»

Fiano (TO) – La nuova Vitara è arrivata soltanto sette mesi fa ma è già diventata la best seller di casa Suzuki. Per questo oggi arriva una nuova versione, la S, con un allestimento top di gamma e una simpatica personalizzazione. La nuova Vitara si è trasformata in un moderno crossover, ma il DNA è sempre lo stesso, come ci ha confessato Massimo Nalli, Direttore Generale Suzuki Automobili Italia.

 

La nuova Vitara ha dato un taglio netto con il passato. Come stanno andando le vendite?
«La nuova Vitara è arrivata sette mesi fa ed è già diventata la best seller di Suzuki in Italia. Siamo veramente molto soddisfatti dei risultati perché entro fino anno ne avremo vendute già 6.000, davvero un bel ritmo. Senza contare poi che negli ultimi mesi le vendite si sono consolidate molto di più, fino ad arrivare a 800-900 contratti al mese. Del resto è un modello che merita un successo di questo tipo, grazie ad una gamma veramente ben strutturata. Offriamo infatti motori benzina, diesel e GPL, ma anche due o quattro ruote motrici e cambi automatici».
 

E poi ora c'è anche la versione S con il nuovo Boosterjet. È un motore Suzuki?
«Il nuovo motore Boosterjet è sviluppato interamente da Suzuki, come del resto tutti i motori a benzina. Per i diesel invece sussiste ancora l'accordo di fornitura con Fiat».
 

Dove lo vedremo questo nuovo motore in futuro?
«I nuovi Boosterjet vanno a costituire una famiglia di motori modulare. Quindi li vedremo in una configurazione sia a tre che a quattro cilindri. Vitara è il primo modello ad utilizzare il Boosterjet 1.4 turbo a quattro cilindri, mentre la nuova Baleno sarà la prima a sfruttare il nuovo 1.0 turbo a tre cilindri. In base alle richieste del mercato ci sarà un allargamento di queste nuove motorizzazioni “turbo-downsizing” anche su tutto il resto della gamma».

 
nalli
Massimo Nalli, Direttore Generale Suzuki Automobili Italia

 

La nuova Vitara nasce sulla stessa piattaforma della sorella stretta S-Cross. Non c'è il rischio di una pesante cannibalizzazione?
«Potrei rispondere anche sì, ma non lo vedo di certo come un problema. Che un clienti entri in concessionaria pensando ad una S-Cross ed esca con il contratto di una Vitara non mi sembra una tragedia. I nostri concorrenti sono gli altri costruttori, non di certo i nostri modelli. Finché il cliente resta dentro alla famiglia Suzuki per noi va bene. Inoltre non dimentichiamo che S-Cross e Vitara vengono costruite nello stesso stabilimento (in Ungheria, ndr), quindi non abbiamo nemmeno problemi di volumi perché l'importante e raggiungere i target di produzione dell'intero impianto».
 

Il modello di precedente generazione aveva ancora una configurazione da “fuoristrada vera”. Come si è evoluta oggi?
«La Grand Vitara, ovvero il modello di terza generazione, aveva la scocca portante però aveva comunque un telaio a traliccio integrato con la scocca. Questa soluzione “ibrida” ci permetteva di installare sospensioni di tipo automobilistico. Oggi invece la nuova Vitara ha una classica scocca portante».

Suzuki non tradirà mai la sua vocazione al mondo dell'offroad e al 4x4

 

Non c'è il rischio che i puristi del fuoristrada rimpiangono l'impostazione “nuda e cruda” della Vitara del passato?
«Suzuki non tradirà mai la sua vocazione al mondo dell'offroad e al 4x4. Nel frattempo però sarebbe stato un suicidio non guardare a cosa ci chiede il mercato. E il mercato chiede sempre di più veicoli che assomiglino in tutto e per tutto ai fuoristrada, con guida alta e design imponente, ma con due sole ruote motrici».


In effetti il 4x4 resta un vostro chiodo fisso...
«Suzuki è un caso assolutamente contro-corrente. Anche con questa nuova generazione di vecoli, Vitara in testa, continuiamo a fare percentuali pazzesche per il 4x4. Pensate che il 60% dei nostri clienti sceglie la trazione integrale, quando il mercato, generalmente, viaggia su percentuali del 10% in questi segmenti. Per dare un'idea concreta, basterà dire che vendiamo molto più 4x4 noi rispetto ad un marchio come Jeep con Renegade».
 

La nuova Vitara insomma si difende bene...
«Il DNA di Vitara è quello di sempre. Forse non avrà l'angolo della Grand Vitara di precedente generazione, ma la nuova trazione integrale AllGrip è veramente eccezionale. Oggi come un tempo. Abbiamo abbandonato le ridotte, certo. Ma costituivano un grande aggravio di peso e poi, in tutta franchezza, non erano utilizzate moltissimo se escludiamo i clienti professionali. Suzuki in ogni caso resta ancora oggi l'unico marchio, se escludiamo il mondo premium, ad offrire un'intera gamma 4x4». 

 

La nuova Suzuki Vitara S

suzuki vitara s 18

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Suzuki Vitara
Maggiori info
Suzuki
  • SUZUKI ITALIA S.p.A. C.so Fratelli Kennedy, 12
    10070 Robassomero (TO) - Italia
    800 452 625   http://auto.suzuki.it