epoca

Mercedes C 36 AMG, 25 anni fa la prima Mercedes-AMG

-

Nel 1993 nasce la capostipite delle Mercedes-AMG odierne derivata dalla Classe C W202

Nel 1967 due ingegneri di Mercedes, Hans Werner Aufrecht ed Erhard Melcher, decidono che anche le compassate berline di Stoccarda possono diventare auto sportive in grado di dare soddisfazioni.

AMG al tempo è una officina che si dedica alle elaborazioni, ma di lì il passo alle competizioni, vero banco di prova delle soluzioni che i due tecnici inventano nella prima sede di Grossaspach, è breve. Il primo risultato di spicco arriva alla 24 Ore di Spa, dove la loro AMG Mercedes 300 SEL 6.9 da 420 CV conquista il secondo posto assoluto ed il primo di categoria. La vettura passa alla storia con il nome forse poco elegante ma significativo di “Rote Sau”, ovvero “maiale rosso”.

AMG acquista sempre più credibilità e nel 1988 diventa partner della Casa della Stella per il DTM. Preceduta dalla ancora oggi apprezzata (viene valutata sul mercato del collezionismo oltre i 300.000 euro) Mercedes 190E 2.5-16 Evolution II, nel 1993 nasce la prima vettura ufficialmente nata dalla collaborazione tra Stoccarda e Affalterbach, dove nel frattempo AMG si è spostata.

La Mercedes C 63 AMG nelle vesti di safety car in Formula 1: è il 1996
La Mercedes C 63 AMG nelle vesti di safety car in Formula 1: è il 1996

Si chiama Mercedes-Benz C 36 AMG, ed è una versione della Classe C serie W202 (la prima serie della Classe C) derivata dalla versione C 280, su cui viene trapiantato in luogo del 2.8 litri, il 6 cilindri in linea da 3.2 litri della E 320, con la cilindrata aumentata di 400 cc a 3.606 cc grazie all'aumento di alesaggio e corsa. Si tratta di una versione ad alte prestazioni con l'obiettivo di affermarsi sul mercato sulla scorta della fama della precedente 190 Evo II, che però viene prodotta in soli 502 esemplari.

L'albero motore deriva invece dall'unità Diesel da 3.5 litri, mentre i freni dell'asse anteriore e posteriore derivano rispettivamente dalle coeve SL 600 ed E 420. Oltre alla componentistica prelevata dalla “banca organi” di Stoccarda, ad Affalterbach si mettono a punto pistoni speciali, viene rivisto il sistema di lubrificazione, si modificano i condotti di scarico e di aspirazione e la fasatura della distribuzione.

La Classe C così preparata raggiunge la ragguardevole potenza di 280 CV (+87 CV rispetto alla C 280) ed una coppia di ben 385 Nm.

La berlina così preparata diventa un successo commerciale: nei quattro anni in cui viene commercializzata, dal 1993 al 1997, totalizza 5.221 unità vendute, ovvero dieci volte la precedente 190 Evolution II. Nel 1996 viene impiegata come prima safety car AMG in Formula 1, una tradizione ancora oggi in voga.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Mercedes-Benz Classe C
Maggiori info
Mercedes-Benz