intervista

Franzetti: «Peugeot 208 è arrivata in un momento difficile ma è grande un successo»

-

Eugenio Franzetti, Direttore Relazioni Esterne di Peugeot Italia, ci ha illustrato lo speciale rapporto che lega il Leone al mondo delle corse, parlandoci non solo della 205 GTI, ma anche dell'attuale 208 e del suo futuro nelle competizioni

Franzetti: «Peugeot 208 è arrivata in un momento difficile ma è grande un successo»

Padova - Lo stand di Peugeot Italia ad Auto e Moto d'Epoca 2013 è la testimonianza tangibile del rapporto che lega la Casa del Leone al motorsport. Il Leone infatti, ieri come oggi, destina importanti risorse alle corse,  maturando un esperienza che poi trasferisce anche ai modelli di serie più sportivi, destinati a finire si strada.

 

Eugenio Franzetti, Direttore Relazioni Esterne di Peugeot Italia, ci ha illustrato questo speciale legame tra modelli di serie e mondo delle corse, parlandoci non solo della 205 GTI, ma anche della Parigi-Dakar e dei rally, arrivando fino alla futura 208 Turbo 16 R5.

 

Perché per Peugeot Italia è così importante partecipare ad una manifestazione come Auto e Moto d'Epoca in veste ufficiale?
«Il passato è la base su cui si va a costruire il presente e il futuro. Peugeot è un marchio che ha più di 200 anni e quindi per noi il passato è importantissimo. La prima automobile a muoversi in Italia nel 1893 fu proprio una Peugeot è la storia automobilistica del nostro marchio inizia ben 120 anni fa. Quest'anno, nel 2013, celebriamo i 30 anni di un'auto mitica, la 205».

 

Il periodo storico accomuna 205 e 208

«Sia la 205 che la 208 di oggi sono arrivate sul mercato in un momento difficile per l'economia. In entrambi i casi però questi modelli sono riusciti a raggiungere grandi traguardi commerciali, aiutando non poco Peugeot a superare un periodo critico».

 

Cosa significa il motorsport per Peugeot?

«Il motorsport, oggi come ieri, per noi è importantissimo e per questo abbiamo deciso di celebrarlo mettendo in mostra quattro vetture eccezionali, la 205 Turbo 16 Grand Raid che ha vinto con Kankunnen la Parigi-Dakar nel 1988 e la 205 Turbo 16 stradale costruita in 200 esemplari. Abbiamo svelato anche una vera chicca per gli appassionati, una rarissima 205 GTI preparata dal tuner tedesco ufficiale Gutmann, che viene affiancata dall'attuale 208 GTI, la nipotina della 205».

 

Peugeot Italia continua ad investire nello sport

«Anche nel 2013 abbiamo vinto un altro titolo Costruttori nel Campionato Italiano Rally, anche se per noi era un anno di transizione con la 208 R2 sviluppata per i clienti privati. Il futuro però si chiama 208 Turbo 16 R5 che arriverà anche in Italia il prossimo mese di gennaio per essere poi affidata alle mani di Paolo Andreucci e Anna Andreussi». 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Peugeot 208
Modelli top Peugeot
Maggiori info
Peugeot