campionato monomarca

Mini Rushour 2012: così al Mugello

-

La seconda tappa del campionato Mini Rushour 2012 ha avuto tra i principali protagonisti Ivan Tramontozzi che si è aggiudicato gara 1 e Fulvio Ferri che ha vinto gara 2

Mini Rushour 2012: così al Mugello

Lo scorso weekend sul circuito del Mugello è andata in scena la seconda tappa del campionato Mini Rushour 2012, una competizione che ha per protagoniste le Mini Cooper S preparate appositamente per affrontare le competizioni in pista.

Ivan Tramontozzi si è aggiudicato gara 1 nella giornata di sabato, dopo una manche ricca di ripetuti attacchi e contrattacchi nelle prime quattro posizioni, con duelli molto ravvicinati. Al via il poleman Gentili è stato sopravanzato da Gagliardini, che ha preso la testa nelle prime battute, poi il comando è passato più volte di mano.

Il giovane pilota laziale di Priverno del Team Dinamic Promodrive, vincitore di gara 1 ed autore anche del giro più veloce in 2’18”101, si è portato in prima posizione in vista del traguardo, attaccando e superando il poleman e leader della serie Roberto Gentili.

Tramontozzi ha scelto il momento migliore per l’attacco al romano dell’Autoè by Progetto E20, potendo contare ancora su un buon margine d’uso delle gomme a cui non aveva chiesto tutto fino a quel momento. Rimane leader in solitaria Roberto Gentili grazie ai punti del più che soddisfacente secondo posto e della pole position. Podio completato dal funambolico Andrea Gagliardini, tallonato da Gianluca Calcagni, alla fine di un infuocato duello.

Quinta posizione per un altro ottimo protagonista della gara come il bresciano della Millenium World Andrea Nember, scattato dalla terza fila ha lottato per le posizioni di vertice ma dopo aver chiesto molto a vettura e gomme, ha pensato ai punti del monomarca, tagliando il traguardo davanti al veneto della Bassano Corse Massimo Ceccato ed al giovane vicentino della Roal Motorsport Alessandro Tolfo, anche lui autore di una gara brillante.

Anche Gara 2, andata in scena domenica 10 giugno, ha saputo regalare agli spettatori una serie di sorpassi e di colpi di scena. Il romano Fulvio Ferri si è aggiudicato la manche, divenendo automaticamente il quarto vincitore in quattro gare del campionato.

Il portacolori  dell’Autoè by Progetto E20 è scattato dalla quinta posizione in griglia ed ha subito iniziato la sua rimonta in mezzo ad una accesa battaglia per le prime sei posizioni. Il romano è riuscito a passare in testa al quarto giro e mantenere il comando fino al traguardo, complici i duelli serrati alle sue spalle per tutte le prime sei posizioni.

Determinante la ripartenza dietro la safety car entrata nelle battute finali a causa dell’uscita di pista di Gianfilippo Liberati dopo un contatto con Francesca Linossi. La vettura di sicurezza, che ha ricompattato il gruppo, è uscita quando mancava solo un giro alla bandiera a scacchi.

Nell’ ultima tornata, il vincitore ha immediatamente allungato il passo, dietro di lui attacco deciso dell’altro capitolino Andrea Gagliardini, già secondo in gara 1 e nuovo leader del Mini Rushour ed autore anche in gara 2 di una serie di duelli, che ha saputo concludere sul secondo gradino del podio, seguito dal laziale del  Team Dinamic Promodrive e vincitore di gara 1 Ivan Tramontozzi, pronto ad approfittare dell’attacco da parte di Gagliardini sul giovanissimo e bravo vicentino alfiere Roal Motorsport Alessandro Tolfo.

Ha concluso la sua brillante rimonta in quinta posizione il bolzanino dell’Auto Ikaro Eduino Menapace che divide la sua Mini Cooper S con Alex Caramaschi e si è così riscattato della sorte avversa delle prime gare. Sesto posto per Massimo Ceccato, scattato bene dalla pole position e passato in testa il veneto della Bassano Corse, ha chiesto il massimo alla sua vettura, ma dopo tre tornate ha ceduto ad un deciso attacco in controsterzo del vincitore.

Settima piazza per il neo entrato Bresciano portacolori Millenium World Maurizio Presti risalito con esperienza dalla 14a posizione di partenza. Top Ten completata dal bresciano Andrea Nember, alla fine di una gara molto dura per lui che ha compiuto anche diverse escursioni sulla sabbia durante i molti duelli.

Decimo ad un giro il toscano Luca Gori, che ha concluso il suo duello con la Linossi sulla sabbia in vista della bandiera a scacchi. Sfortuna per il romano Roberto Gentili, che ha dovuto alzare bandiera bianca per un piede indolenzito in seguito al contraccolpo per una frenata al limite durante un duello con un avversario.

Classifica Gara 1 Mini Rushour: 1. Tramontozzi, in 28’59”232; 2. Gentili, a 0”253; 3. Gagliardini, a 1”683; 4. Calcagni, a 1”816; 5. Nember, a 7”224; 6. Ceccato, a 7”867; 7. Tolfo, a 13”845; 8. Liberati, a 25”662; 9. Fanari, a 26”412; 10. Gori, a 33”534.

Classifica Gara 2 Mini Rushour: 1. Ferri, in 28’36”552; 2. Gagliardini, a 1”528; 3. Tramontozzi, a 1”647; 4. Tolfo, a 2”409; 5. Menapace, a 3”262; 6. Ceccato, a 5”969; 7. Presti, a 6”135; 8. Mosca, a 8”721; 9. Nember, a 9”601; 10. Gori, a 1 giro.

Classifica MINI Rushour dopo 4 gare: 1. Gagliardini, 48; 2. Tramontozzi, 41;  3. Gentili, p. 40; 4. Calcagni-Ferri, 38; 5. Nember, 34.


Calendario Mini Rushour 2012: 11-13 maggio, Le Casttellet (F); 8-10 giugno, Mugello (FI); 6-8 luglio, Misano (RN); 20-22 luglio, Magione (PG); 31 ago-3 set Imola (BO); 14-16 set, Vallelunga (RM).

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su MINI Mini
Modelli top MINI
Maggiori info
MINI
  • MINI Italia S.p.A. Via dell'Unione Europea, 1
    20097 San Donato Milanese (MI) - Italia
    02 51610111   http://www.mini.it