Tech test

Ford Focus 2019, alla scoperta della tecnologia Ford Co-Pilot 360 [Video]

-

Abbiamo provato ancora la nuova Ford Focus, questa volta abbiamo scoperto le tecnologie di bordo: dall’Active Park Assist al Ford PASSconnect. Ecco il video

Cosa pensate quando vi diciamo Ford? Sicuramente alla mitica Mustang, forse anche alla GT, ma come non pensare alla Focus. La vettura del segmento C della Casa americana è nata nel 1998 e, a distanza di 20 anni precisi, ha debuttato la 4^ generazione (qui la presentazione in anteprima). L’abbiamo già provata, ma ora è il momento di scoprire più nel dettaglio il lato tecnologico della nuova Ford Focus. Leggete qui e guardate il video in copertina.

Ford CoPilot 360

Rivoluzionata fuori e dentro, ma non solo. I tecnici americani si sono concentrati per rendere il più tecnologica possibile la nuova Focus (senza rinunciare all’accessibilità del modello). La tecnologia di bordo si chiama Ford CoPilot 360, che garantisce alla vettura una guida autonoma di livello 2: grazie alle 2 telecamere, ai 3 radar e ai 12 sensori presenti, si ha una maggior sicurezza, più assistenza alla guida e anche nei posteggi. Quattro i punti chiavi di questo sistema tecnologico “made in Ford”, scopriamoli insieme.

Active Park Assist Upgrade

La nuova Ford Focus è in grado di posteggiarsi autonomamente! Grazie a questa funzione non è più necessario giocare con volante e acceleratore per trovare parcheggio, che sia parallelo (in entrata e in uscita) o perpendicolare al senso di marcia. Come funziona? Semplice: basta impostare la ricerca di posteggio, procedere lentamente (quasi a passo d’uomo) a circa 50 cm/1 metro dalle altre vetture parcheggiate e, una volta trovato un posto libero adatto alle dimensioni della nuova Focus, appare sul display centrale l’okay per iniziare con la manovra. Via le mani dal volante, via i piedi dai pedali e dito premuto su un pulsante situato tra di due sedili frontali. Poi la manovra di posteggio è completamente autonoma e con poche mosse la vettura è al suo posto senza sforzi. Una funzione veramente pratica, soprattutto per chi non ama impegnarsi in posteggi complicati. Ovviamente ci è stata presentata una situazione con circa 50 cm davanti e dietro. Ci piacerebbe simulare la prova anche in condizioni più reali, in strada, con altre auto e spazi più risicati. Speriamo di avere presto la vettura in redazione per una prova più approfondita.

Pre-collision Assist

Pedoni e ciclisti non vanno molto d’accordo con il traffico intenso di tutti i giorni e, spesso, anche una piccola distrazione di chi è al volante può causare grossi problemi. Per prevenire questo tipo di incidenti, Ford ha montato sulla nuova Ford Focus la tecnologia del Pre-collision Assist, con frenata automatica di emergenza. Quando la vettura rileva un ostacolo di fronte a sé e il conducente con il piede ancora sull’acceleratore, frena da sola fino a fermarsi. La funzione rimane attiva fino a quando il conducente non interviene. Molto efficacie, anche se avremmo preferito intervenisse fino al completo arresto del veicolo, perché una volta che si stacca il piede destro dall’acceleratore (e quindi la Focus capisce che il conducente è pronto a prendere il comando), si disattiva la funzione del Pre-collision Assist lasciando il pieno controllo a chi è al volante.

Adaptive Cruise Control

Sulle vetture moderne, l’Adaptive Cruise Control è quasi un must: la nuova Ford Focus monta la versione 2.0, con funzione di Start&Stop che rimane attiva fino a 3 secondi di arresto. Molto comoda nel traffico autostradale quando ci sono rallentamenti ed effetto elastico. Insieme a questa tecnologia c’è anche quella del lane-centering che mantiene la vettura al centro della carreggiata: quando c’è una curva, la nuova Focus sterza autonomamente ma, se non percepisce reazioni dal conducente, rallenta automaticamente fino a fermarsi.

Ford PASSconnect

Grazie a questa funzione, è possibile gestire la Ford Focus 2019 direttamente con il proprio telefono: manutenzione e situazione della vettura, avviamento, utilizzo e posizioni. Inoltre, con una sola chiave (da lasciare nella macchina), più utenti abilitati posso usare il proprio smartphone per accedere all’auto e usarla. Una soluzione comoda e studiata da tecnici Ford anche contro il furto: infatti ci sono diversi sistemi con autorizzazioni che non permettono al ladro di partire con le chiavi dentro. Per comunicare con il telefono, la Focus monta una scatoletta simile a un modem con copertura Vodafone da 1000 GB di internet annuali (costo 120 euro per 12 mesi), che bastano e avanzano per scambiare le informazioni utili.

Conclusioni

La nuova Ford Focus è pronta a conquistare le strade di tutto il mondo, ricca di tecnologia e assistenza alla guida. Ma ora gli appassionati attendono con ansia la versione ST (nelle fasi finali di collaudo) e la RS per divertirsi un po’!

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Ford Focus
Maggiori info
Ford
  • Ford Italia S.p.A. Via A. Argoli, 54
    00143 Roma (RM) - Italia
    800 22 44 33   http://www.ford.it