prova su strada

Peugeot 208 restyling

Benzina? Meglio del diesel!
-

Il tre cilindri turbo benzina da 110 CV è silenzioso, piacevole da guidare e consuma pochissimo. Molto curata e spaziosa, vanta una qualità costruttiva eccezionale

Peugeot 208 restyling

Nata moderna ed estremamente attuale, la Peugeot 208 nei primi tre anni di vita ha riscosso grande successo in tutti i mercati europei in cui è stata commercializzata: ecco perché, in occasione del suo restyling, i designer francesi non hanno voluto modificarne troppo le forme, limitando all'introduzione di aggiornamenti e modifiche davvero limitati. 

 

Quello voluto dai vertici Peugeot, dunque, è un sostanziale aggiornamento più che una rivoluzione e così per distinguere la nuova 208 dalla vecchia si dovrà guardare con attenzione la calandra, ora meno spigolosa, i gruppi ottici dotati di cornice brunita e led diurni "rivisti". Anche dietro le novità sono limitate ad una leggera rivisitazione dell'architettura dei fari che ora vantano una firma
luminosa (sembrano graffiati dalle unghie del Leone) leggermente più marcata ed evidente. 

 

Lunga 397 cm, larga 174 ed alta 146 (passo 254), la nuova Peugeot 208 vanta una gamma colori molto interessante, alcune più "cariche" che in passato ed altre sviluppate attorno ad una nuova tecnologia di pittura brevettata da PSA: l'effetto è di un colore satinato/opaco che offre una bella sensazione al tocco ma soprattutto riflette la luce in modo decisamente particolare. Qualcosa di simile lo si era già visto sulla 208 GTI 30th Anniversary ma in quel caso la tinta nera posteriore veniva data a mano mentre in questo caso l'applicazione è di tipo "industriale". Costo? 730 euro. 

Quello voluto dai vertici Peugeot, dunque, è un sostanziale aggiornamento più che una rivoluzione

 

Anche dentro le novità sono più di dettaglio che di sostanza: a cambiare sono i colori dei rivestimenti e gli abbinamenti cromatici ma soprattutto il software del sistema multimediale che ora risulta ancor più completo che in passato: lo schermo rimane da 7" ma a livello di software ora lo "smeg" vanta anche funzionalità Mirrorlink, in grado di far girare App che sfruttano la potenza di calcolo e le funzionalità degli smartphone di ultima generazione, ma soprattutto nuove grafiche ed una migliore facilità di utilizzo. 

peugeot 208 restyling test prova
La versione restyling della segmento B francese cambia poco esteticamente: si notano il nuovo frontale e gruppi ottici di diverso disegno

 

Come al solito il sistema, disponibile già dall'allestimento intermedio, può essere integrato con la navigazione satellitare, ma soprattutto vanta un'integrazione molto evoluta con la vettura: per intenderci il display al centro del quadro strumenti riporta le informazioni di navigazione, di conversazione telefonica più o meno attiva e molto altro mentre il passeggero, ad esempio, cerca una stazione radio o la musica preferita tra gli MP3. 

 

285 litri di bagagliaio (estendibili a 1.152 abbattendo progressivamente gli schienali posteriori), volante piccolo e strumentazione rialzata, la nuova Peugeot 208 mantiene gli elementi strutturali chiave del modello originale, poi estesi anche ai modelli superiori come 308, facendo spazio anche ad alcune novità interessanti per quanto concerne la sicurezza: con 250 euro si integra alla
dotazione di sicurezza anche il sistema antitamponamento  (attivo fino a 30 km/h) mentre con 100 euro è disponibile la retrocamera di parcheggio. 

 

Gli allestimenti per l'Italia rimangono come al solito Access (a partire da 12.300 euro), Active ed Allure al quale si affianca lo sportivo GT Line pensato per portare parte dell'aggressività della GTI anche su motorizzazioni più normali oltre che sulla carrozzeria 5 porte. La dotazione di Access non comprende clima e sistema multimediale, mentre già a partire dal livello intermedio, il preferito dagli italiani, la dotazione risulta particolarmente interessante e completa.

 

Molto leggera, pesa 1.050 kg con la motorizzazione benzina più diffusa (1.2 82 CV), la nuova Peugeot 208 vanta interessanti novità sotto il profilo tecnico: da metà giugno, infatti, oltre al 1.0 da 68 CV ed al 1.2 da 82 CV entra in gamma anche un altro tre cilindri turbo 1.2 litri: l'unità, sviluppata sulla base del 82 CV, sviluppa una coppia di 205 Nm a 1.500 giri ed una potenza massima di 110 CV a 5.500 giri e viene abbinato ad un cambio manuale a cinque marce o ad un automatico Aisin (1.150 euro) di nuova generazione con sei marce e palette al volante.

In Italia si sceglie tra Access, Active, Allure o lo sportivo GT Line pensato per portare parte dell'aggressività della GTI anche su motorizzazioni normali

 

Tutte Euro 6, le motorizzazioni di 208 possono essere scelte anche con alimentazione a gasolio: sparisce il vecchio 1.4 da 68 CV per fare posto ad una nuova declinazione da 75 CV del 1.6 turbo che nel frattempo abbandona anche il classico livello di potenza da 92 CV per fare posto ad uno più sostanzioso da 99 CV.

 

Per quanto concerne le alimentazioni "alternative" Peugeot non segue la strada del metano intrapresa da Fiat e Gruppo Volkswagen proseguendo sul GPL in abbinamento al 1.2 benzina da 82 CV. Non arriverà prima dell'inverno. 

Dal vivo: com'è fuori

Squadra che vince non cambia. Una regola semplice che vale anche per la 208 che in occasione del facelift di mezza vita introduce solo piccoli aggiornamenti estetici mirati a tenere fresca l'immagine di un prodotto che continua a piacere. Interessanti le nuove colorazioni, tendenzialmente più "evidenti" che in passato, in particolar modo quella satinata/opaca: vanta un costo importante in fase d'acquisto, ma è davvero molto raffinata ed interessante per chi vuole una 208 sicuramente fuori dagli schemi. 

peugeot 208 restyling test prova (20)
Interessante la nuova tinta satinata/opaca brevettata da Peugeot. Costa 780 euro

Dal vivo: com'è dentro

Rispetto alla precedente, ad una prima occhiata non cambia praticamente nulla. Il volante di diametro "ridotto" rimane al suo posto così come la plancia che integra perfettamente lo schermo da 7" proposto di serie a partire dall'allestimento intermedio Active. Piccole novità riguardano il rivestimento della plancia, che per alcune versioni vanta la goffratura già proposta con il crossover 2008 (di stretta derivazione 208), ma soprattutto il software del sistema multimediale e di navigazione.

 

Ora che integra anche le funzioni Mirrorlink e permette il collegamento via USB di cellulari che nella precedente versione lo mettevano in crisi (Windows Phone ed alcuni Android), lo SMEG by Magneti Marelli appare ancora come uno dei sistemi più completi ed integrati alla vettura oggi disponibili in questo segmento: peccato per la dimunuzione delle porte USB disponibili. Dalle precedenti due si passa ad una, sempre affiancata nel pozzetto davanti alla leva del cambio da una normale presa 12V. 

 

Notevole lo spazio a bordo: sulla 208 i più alti stanno molto comodi davanti, grazie soprattutto allo spazio "liberato" dal volante piccolo, pur senza creare alcun sacrifico a chi siede dietro: il passo lungo ed un ottimo studio della cabina, infatti, permettono un'ottima abitabilità anche a chi siede dietro. Nella norma il vano bagagli, che non sorprende per dimensione ma permette di
fare posto a tutto quello che serve senza particolari sacrifici. 

peugeot 208 restyling test prova (6)
Il nuovo motore benzina 1.2 turbo è ai livelli di un diesel in fatto do consumi: abbiamo rilevato una media di 5,9 l/100 km
 

Come si guida

Abbiamo scelto di guidare la nuova Peugeot 208 in abbinamento al nuovo motore 1.2 turbo benzina da 110 CV. Il motore non è una novità assoluta per quanto concerne l'universo PSA, visto e considerato che altri modelli Peugeot/Citroen/DS l'hanno introdotto, ma sulla 208 porta una bella ventata di novità perché la gamma benzina medio bassa era forse troppo limitata al pur eccellente tre cilindri da 82 CV. 

 

Il nuovo turbo non stupisce per potenza massima ma vanta una interessante distribuzione della coppia che gli permette di essere utilizzato già a regimi prossimi ai 1.500 giri senza alcun tipo di sussulto e senza particolari affanni in termini di spinta: il lavoro dei tecnici francesci, infatti, ha portato la performance ai bassi e medi regimi del tutto a livello di quella di un normale turbodiesel con il vantaggio di un maggior allungo ai regimi medio alti dove la spinta rimane interessante fino a 5.500 giri.

 

Un motore molto interessante, che suona in modo educato anche in fase di accelerazione, ma soprattutto non fa rimpiangere i diesel nemmeno in termini di consumo: senza badare troppo a cosa si fa con il piede destro si viaggia con una media reale di 5,9 l/100 km

Un motore molto interessante, che suona in modo educato anche in fase di accelerazione, ma soprattutto non fa rimpiangere i diesel nemmeno in termini di consumo: senza badare troppo a cosa si fa con il piede destro si viaggia con una media reale di 5,9 l/100 km

 

Ottimo il comportamento del cambio automatico a sei marce: veloce nelle cambiate e "sveglio" nelle strategie viene proposto ad un prezzo ragionevole e non fa lievitare i consumi di carburante. La combinazione con il tre cilindri da 110 CV è perfetta. Come al solito piacevole da guidare tra le curve, la 208 si dimostra agile nello stretto e ben piazzata alle alte velocità nei curvoni autostradali: il volante piccolo non crea alcun problema in termini di sensibilità di guida, anzi, e l'integrazione con i nuovi sistemi di sicurezza appare ben fatta: il sistema antitamponamento lavora vigile ed interviene in modo davvero efficace entro una velocità di 30 km/h, ovvero quando si è più distratti a controllare la strada per una svolta o un ingresso in rotatoria. 

In conclusione

Peugeot 208 conferma tutte le caratteristiche vincenti del modello precedente scegliendo la via del perfezionamento piuttosto che della (ennesima) rivoluzione. Ora il sistema multimediale è più completo, la gamma motori più interessante ed il look della vettura più interessante, in particolar modo con i colori più carichi, pur rispettando del tutto il progetto originale. 

Pro

- E' ben disegnata

- Il 1.2 da 110 CV è eccellente
- Interni comodi e tecnologicamente avanzati 

Contro

- La corona del volante copre, in alcuni casi, parte della strumentazione
- La corsa del cambio manuale è lunga
- I sistemi antitamponamento sono sempre optional

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Peugeot 208
Modelli top Peugeot
Maggiori info
Peugeot