intervista

Rullkotter, Opel: «Astra K? E' un riferimento tecnologico»

-

Oliver Rullkotter, Group Product Manager della Casa tedesca, ci parla del lato “hi-tech” della nuova Opel Astra, su cui debutta il nuovo sistema di assistenza OnStar che dall'America sbarca in Euroipa per la prima volta

Rullkotter, Opel: «Astra K? E' un riferimento tecnologico»

Francoforte - Nuovi motori, nuovi fari, un nuovo telaio. La nuova Opel Astra K è una vettura che offre tante novità anche alla voce tecnologia di bordo con un nuovo sistema multimediale con schermo da 8" e la connettività e la sicurezza offerta da Onstar, un vero e proprio angelo custode collegato alla vettura. Di questo e molto altro ne abbiamo parlato con Oliver Rullkotter, Group Product Manager della Casa tedesca. 

 

Quali sono le principali novità dei sistemi di bordo della nuova Astra K?
«La cosa più visibile è certamente il nuovo Navi900 che prevede uno schermo da 8" decisamente più reattivo e dinamico del precedente. Questo sistema, forte evoluzione del Intellilink, offre la navigazione "onboard" ma anche una serie di sistemi pensati per integrarsi al meglio con gli smartphone di ultima generazione. Apple Car Play è già installato mentre Android Auto arriverà entro la fine dell'anno e sarà ovviamente disponibile via aggiornamento anche per i sistemi che attualmente non lo propongono». 

 

Onstar sembra essere una nuova frontiera della sicurezza ma anche del rapporto utente-auto. Ce ne vuole parlare?
«OnStar è una sorta di angelo custode sviluppato da GM inizialmente in America ed oggi importato in Europa a partire proprio da Astra K. Negli States sono più di 5 mila persone che lavorano per 7 milioni di clienti da vent'anni a questa parte. OnStar permette di ottenere soccorso volontario o automatico nel caso di impatto ma è anche interpellabile in qualsiasi momento per far avviare direttamente nel navigatore della vettura una location o un indirizzo che non troviamo. Ma non è solo questo: è anche una App che consente di gestire la vettura a distanza permettendone la localizzazione, l'apertura delle porte, l'accensione dei fari o l'attivazione del clacson. E' anche possibile sapere quanto carburante c'è a bordo ma anche lo stato del tagliando o la pressione delle gomme. Qualsiasi cosa serva OnStar la può realizzare». 

oliver rullkoetter opel
Oliver Rullkotter, è Group Product Manager di Opel. Ha curato lo sviluppo della nuova Opel Astra di quinta generazione

 

Come funziona lato utente?
«Oltre alla app che si installa su telefoni apple o android lato vettura ci sono tre tasti. Uno per l'SOS, uno per chiamare il callcenter ed un altro per attivare il WIFI Hotspot, una funzionalità molto interessante del sistema che per funzionare ha ovviamente bisogno di una connessione 3g dedicata. La cosa interessante è che il call center risponde alle chiamate nella lingua in cui è stato impostato il sistema multimediale». 

 

Dove è attivo il sistema?
«Per il momento in Europa sono 13 le nazioni in cui è possibile usare il nostro OnStar in tutte le sue funzionalità». 

 

C'è qualche statistica interessante legata ad OnStar?
«Sì, una in particolare. Il sistema nel mondo raccoglie fino a 5.000 richieste di soccorso al mese. In alcuni casi tutto si risolve nella migliore delle maniere in modo del tutto indipendente, in altri l'intervento del sistema ha permesso di salvare delle vite umane. Questo per noi è motivo di grande orgoglio».  

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Opel Astra
Modelli top Opel
Maggiori info
Opel
  • General Motors Italia S.r.l. Piazzale dell'Industria, 40

    06-54652000   http://www.opel.it