Prime impressioni

Hyundai Ioniq Electric: il restyling 2019 è ancora più completo [Video]

-

La Casa coreana ha rinnovato la gamma Ioniq, compresa l’elettrica: estetica aggiornata, più autonomia (310 km) e tanta tecnologia di bordo. Ecco le nostre prime impressioni di guida

Nata nel 2016, la Hyundai Ioniq è uno dei pochi modelli sul mercato a offrire tre motorizzazioni “green”: hybrid, hybrid plug-in ed electric. Quest’anno, la Casa coreana ha presentato il restyling della berlina compatta, disponibile prima per le ibride e poi anche per l’elettrica. Oggi le nostre attenzioni si concentrano sulla versione a emissioni zero che, oltre a presentarsi con una scocca rivista nei dettagli, è stata aggiornata nei contenuti tecnologici e tecnici (qui tutte le info). Per scoprire ancora più a fondo come si è evoluta la Hyundai Ioniq Electric, siamo stati in Olanda, nei pressi di Amsterdam, per toccare con mano e per metterci al volante della novità coreana. Volete sapere come è andata? Leggete qui sotto e guardate il video in copertina.

La nuova Hyundai Ioniq Electric
La nuova Hyundai Ioniq Electric

Dal vivo: com’è fuori

Come vi abbiamo accennato, l’estetica della nuova Ioniq Electric è stata solamente aggiornata. Il restyling 2019 riguarda in particolar modo la zona frontale: i gruppi ottici Full LED hanno una nuova firma luminosa, che viene ripresa dai fendinebbia (anche loro a LED). Inoltre, la “griglia” dal nuovo design incorpora il grande logo della Casa e due air flaps attivi, che gestiscono i flussi aerodinamici. Vista di profilo, l’elettrica coreana non cambia. La novità riguarda i cerchi con un nuovo disegno studiato per ottimizzare i flussi d’aria e per abbassare il consumo di energia. Al posteriore, si notano i nuovi fari, rivisti nello stile e completamente a LED. Nel complesso non cambiano le dimensioni: una lunghezza di 4.470 mm, una larghezza di 1.820 mm, un’altezza di 1.475 mm e un passo di 2.700 mm.

  • Potenza 136 CV
  • Coppia 295 Nm
  • Capacità batteria 38,3 kWh
  • Autonomia 311 km
  • Prezzo 41.000 euro

Il grande cambiamento rispetto al modello passato riguarda il pacco batterie: i tecnici sono riusciti ad aumentare la capacità della batteria del 36%: ora sono 38,3 i kWh, con un’autonomia dichiarata di 311 km (contro i 280 km del M.Y. precedente). Cresce anche la potenza, 136 CV, mentre la coppia è di 295 Nm. Inoltre, il Marchio fornisce di serie un nuovo caricatore da 7,2 kW e, nel caso si trovassero torrette di ricarica rapida da 100 kW, la vettura è in grado di raggiungere l’80% di carica in soli 54 minuti.

Dal vivo: com’è dentro

Rivista fuori, ma anche dentro le portiere. L’abitacolo è stato aggiornato con un nuovo design della plancia e, come optional, è disponibile anche il display per la gestione dell’infotainment da 10,25”. Inoltre, il guidatore può tenere sott’occhio tutte le informazioni di bordo tramite uno schermo da 7” posizionato dietro al volante. La zona del climatizzatore è più elegante, in nero lucido, peccato alcuni comandi siano touch-screen (dettaglio che non fa impazzire a chi scrive). Gli interni sono molto curati, c’è forse qualche plastica dura di troppo e l’allestimento all-black del veicolo in prova tende a oscurare un po’ l’abitacolo. Fortunatamente per le ore notturne, i tecnici hanno equipaggiato delle nuove luci ambiente dedicate alla versione elettrica.

Inoltre, la Hyundai Ioniq Electric 2019 è disponibile anche con il servizio di gestione remota tramite App Blue Link, che permette di monitorare le condizioni della vettura e anche di preriscaldare o preraffreddare gli ambienti.

Gli interni della Hyundai Ioniq Electric
Gli interni della Hyundai Ioniq Electric

Come va

Quando ci si mette al volante di una vettura elettrica bisogna sempre prende le misure: le reazioni del motore sono diverse rispetto a un’auto tradizionale, ma la Ioniq Electric mette a proprio agio fin dal primo metro. Il propulsore elettrico ha una buona reattività, ma non è mai nervoso sull’attacco del pedale destro. La ricca coppia di 295 Nm si gestisce con facilità e, se si decide di scattare, la risposta è immediata. I 136 CV si sentono tutti e sembrano quasi di più. Inoltre, le modalità di guida sono (fortunatamente) quattro: Normale, la più moderata e utilizzabile; Sport, più diretta nelle risposte dell’acceleratore; ECO, più soft e conservativa; e ECO +, adatta agli amanti della guida in riserva. Le mappe motore sono poche ma giuste: si sente la giusta differenza tra una e l’altra, quindi l’utente è in grado di scegliere quella che meglio si adatta allo stile di guida e alle esigenze. Inoltre, anche la frenata rigenerativa ha quattro livelli, modificabili con le palette dietro al volante. Pensate che è presente anche la tecnologia di Smart Regenerative Braking: di cosa si tratta? In presenza di traffico o pendenze, la vettura regola automaticamente la frenata rigenerativa per migliorare il comfort del pilota.

Alla guida della Ioniq Electric 2019 in Olanda
Alla guida della Ioniq Electric 2019 in Olanda

Come vi abbiamo accennato, l’autonomia della Ioniq Electric è cresciuta a 310 km circa (dichiarati). Un valore molto buono considerata la capacità della batteria, ma ancora lontano dalla concorrenza, anche la più diretta come la Kona elettrica (qui il nostro test), che supera tranquillamente i 400 km. La piccola berlina, quindi, si dimostra ancora una vettura super adatta al traffico cittadino, ma ancora lontana dal presentarsi come un’auto completa. 300 km, è vero, sono tanti ma non ancora sufficienti per affrontare lunghi spostamenti in tutta serenità.

Per quanto riguarda la sicurezza, i tecnici Hyundai non si sono risparmiati: di serie sono presenti il Front Collision Warning and Avoidance Assist with Pedestrian Detection e Cyclist Detection, il Driver Attention Warning, il Lane Keeping Assist e il High Beam Assist. Se tutto ciò non bastasse, si può aggiungere come optional il Lane Following Assist, lo Speed Limit Warning, lo Smart Cruise Control with Stop&Go, il Leading Vehicle Departure Alert, il Blind-Spot Collision Warning e il Rear Cross-Traffic Collision Warning.

Con 311 km di autonomia, la Ioniq Electric si può considerare un'auto completa?
Con 311 km di autonomia, la Ioniq Electric si può considerare un'auto completa?

Conclusioni

La nuova Hyundai Ioniq Electric arriverà sul mercato a settembre, ma è già in concessionaria che vi aspetta per scoprirla più da vicino. Nove le colorazioni disponibili, di cui quattro completamente nuove: Fluidic Metal, Electric Shadow, Liquid Sand e Typhoon Silver. Il prezzo per il mercato italiano sarà di 41.000 euro e la Casa coreana prevende uno sconto per il lancio di 1.000 euro, a cui andranno aggiunti gli ecoincentivi nel caso si decidesse di rottamare la propria vettura in cambio della Ioniq Electric 2019.

Pregi e difetti

  • Tecnologia di bordo | Erogazione e gestione motore
  • Rifiniture interni | Autonomia sufficiente

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Hyundai Ioniq
Modelli top Hyundai
Maggiori info
Hyundai